Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Pescasseroli (L'Aquila), l'orsa Yoga

Addio all’orsa Yoga, 30 anni, l’unica in cattività nel Parco Abruzzo

E’ morta a 30 anni, “un’età assolutamente rilevante per un orso”, scrive il Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, l’orsa Yoga, diventata famosa alla fine degli anni ’90 del secolo scorso per le scorribande nei paesi del Parco che le costarono la messa in cattività, unico orso del Pnalm a subirla. Dopo un lungo periodo nell’area faunistica di Villavallelonga (L’Aquila), dall’agosto 2017 era ospitata nel Centro Visite di Pescasseroli; sono stati i custodi a trovarla senza vita domenica mattina. Nel 2018 l’orsa aveva subìto un importante intervento a causa di alcune ernie midollari alla colonna vertebrale che le stavano paralizzando gli arti posteriori; aveva poi ricominciato a camminare, ma aveva ovviamente problemi legati all’età. Ora nella sede di Teramo dell’Istituto Zooprofilattico di Abruzzo e Molise con l’autopsia sarà accertata la causa ultima di morte. Yoga, ricorda una nota del Parco, cominciò da giovanissima a frequentare la Camosciara, in estate, cercando di rubacchiare cibo ai turisti pronti a fare un pic-nic.

Pescasseroli (L'Aquila), l'orsa Yoga

LE SUE INCURSIONI ALLE FESTE E NELLE CASE LE COSTARONO LA MESSA IN CATTIVITA’

Con il tempo, però, divenne sempre più confidente, avvicinandosi ai campeggi. Finché un giorno arrivò a Opi (L’Aquila) durante la festa patronale, spaventando tutti coloro che erano in piazza; poco tempo dopo entrò nella cantina di una casa, a quel punto il Parco prese la decisione di ridurla in cattività. “Una scelta dolorosa, ma necessaria a garantire l’incolumità delle persone e della stessa orsa, che se avesse continuato le incursioni poteva trovare la morte a causa di eventi accidentali legati all’uomo”. Yoga e Sandrino sono stati gli orsi più famosi del Parco, due ambasciatori della specie di orso bruno marsicano, che può arrivare a vivere 35-40 anni. Yoga ha rappresentato il primo, e finora unico, caso in cui l’Ente Parco ha ridotto in cattività un orso problematico; una scelta dettata da ragioni di opportunità oggettive, “da cui tanto abbiamo imparato e che ci hanno consentito di sviluppare procedure e metodi di gestione più utili e funzionali per mitigare il conflitto orso-uomo”. Una storia interessante anche alla luce, mutatis mutandis, di quanto sta avvenendo in Trentino con l’orso M49, che proprio oggi è oggetto di un’ordinanza di cattura per la messa in captivazione.