Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Sea Gulls - Flatanger Norway

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 1-2 dicembre 2018

Per segnalazioni scrivere entro il giovedì a 24zampe@ilsole24ore.com o a twitter@24zampe

+++

INCONTRO NATURA, MILANO, SABATO 1° DICEMBRE 2018

A Milano sabato 1° dicembre 2018 l’ultimo degli approfondimenti focalizzati sulla salvaguardia del pianeta organizzati dall’Associazione culturale Radicediunopercento alla Casa della Cultura (via Borgogna 3, Milano) e collegati alla mostra fotografica Wildlife Photographer of the Year di cui si parla sotto. Sabato sera alle 21 tocca a Alessandro Bee, pluripremiato fotografo al Wildlife, alla figlia d’arte Ekaterina Bee, presente in mostra e vincitrice della categoria sotto i 10 anni con lo scatto “Nella presa dei gabbiani” (foto sopra), e a Daniela De Donno, presidente della Jane Goodall Institute Italia, che quest’anno festeggia il ventesimo anniversario della fondazione. Presentano il libro “Wild – incontri e natura” di Bee, realizzato in occasione del ventennale del JGI Italia. Un viaggio emozionante in oltre 160 scatti alla scoperta delle creature più affascinanti e di luoghi incontaminati. Dagli iceberg della Groenlandia alle tigri del Bengala, dal deserto del Sahara ai gorilla di montagna, fino alle aquile di mare della Norvegia e al lago di lava del Nyiragongo. Il fotografo svelerà gli aneddoti che si celano dietro i suoi scatti, attraverso una avvincente proiezione di immagini. Il libro, con copertina cartonata e in formato orizzontale 33 x 23 cm, è arricchito dalle prefazioni di Jane Goodall (etologa e antropologa) e di De Donno (biologa) e il ricavato servirà a sostenere le attività e i progetti del Jane Goodall Institute, in particolare contribuirà a costruire due nuove case famiglia all’interno del Villaggio dei bambini Sanganigwa di Kigoma (Tanzania), un rifugio per bimbi orfani o abbandonati. Gli incontri precedenti sono stati con la zoologa Roberta Castiglioni, che ha parlato della “Natura in trappola. Bracconaggio e crimini ambientali”, con Eleonora De Sabata (giornalista) per “Un mare di plastica: le soluzioni concrete di Clean Sea Life”, con Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli che insieme hanno presentato il loro ultimo libro “Predatori del microcosmo”, con Marco Colombo che ha raccontato e illustrato “Dieci luoghi da salvare” in Italia (non solo fotografo ma anche preparatissimo naturalista e divulgatore scientifico, Colombo è inoltre a disposizione per visite guidate alla mostra presso la Fondazione Matalon, ogni venerdì dalle 18.30) e con Marco Urso, fotografo naturalista e di viaggio, pluripremiato al Wildlife e presente in mostra con la foto “Aspettativa”. Tutti gli incontri sono a ingresso libero, basta acquistare il biglietto di mostra Wildlife Photographer of the Year.

+++

Brent Stirton (Sudafrica) Memoriale di una specie Un maschio di rinoceronte nero giace morto dopo che i suoi assassini sono entrati illegalmente nel Hluhluwe Imfolozi Park, in Sudafrica. Un’autopsia ha rivelato che il primo proiettile dei bracconieri non è riuscito a uccidere il rinoceronte, che è fuggito per un breve tratto prima che un secondo proiettile lo finisse. La morte spaventosa del rinoceronte è ulteriormente evidenziata dalla cavità che si spalanca nel punto dove dovrebbe esserci il suo corno. Di seguito una selezione di immagini esposte alla Fondazione Matalon a Milano dal 5 ottobre al 9 dicembre.

MOSTRA FOTOGRAFICA, MILANO, FINO AL 9 DICEMBRE 2018

Milano torna a ospitare la mostra di fotografie naturalistiche più prestigiosa al mondo. Le cento immagini premiate nel 2017 al Wildlife Photographer of the Year, il concorso indetto dal Natural History Museum di Londra, saranno esposte negli spazi della Fondazione Luciana Matalon in Foro Buonaparte 67, dal 5 ottobre al 9 dicembre 2018. La 53esima edizione, dedicata alla salvaguardia del pianeta, è stata vinta dal fotografo sudafricano Brent Stirton, che ha ritratto un rinoceronte appena colpito e mutilato del suo corno all’interno del Parco Hluhluwe Imfolozi, la più antica riserva naturale africana. “La foto ‘Monumento alla specie’ (foto sopra), di forte impatto emotivo e di grande profilo artistico, documenta con estrema crudeltà il dramma del bracconaggio al rinoceronte per vendere i loro corni al mercato nero. Stirton ha dichiarato di aver visto almeno altre trenta scene di questo tipo durante il suo reportage all’interno della riserva”, spiegano gli organizzatori dell’Associazione culturale Radicediunopercento. Qui su 24zampe una photogallery delle foto più belle.

+++

NATALE IN PIAZZA, TUTTA ITALIA, SABATO 1° E DOMENICA 2 DICEMBRE 2018

Torna nelle piazze italiane sabato 1° e domenica 2 dicembre 2018 la campagna della Lipu Un Natale per la natura. Lenticchie, pasta e vino, prodotti biologici che rispettano la natura, saranno proposti dai volontari dell’associazione ambientalista in cambio di un contributo per le attività di difesa della natura e degli uccelli selvatici. La campagna, giunta alla sua 13esima edizione, sosterrà tre progetti della Lipu: quello del recupero degli animali in difficoltà nei Centri di recupero, le attività delle oasi e delle riserve gestite dalla Lipu e inoltre le attività di Educazione ambientale. Informazione sul sito.

+++

mercatini-natale

GATTOMERCATINO DI NATALE, MONZA, TUTTI I SABATI E DOMENICHE FINO A NATALE

L’associazione Gattolandia – Onlus per la tutela del gatto di Monza organizza tutti i sabati e le domeniche fino al 25 dicembre nella sede del gattile di via Sardegna 73b un mercatino natalizio aperto a tutti e organizzato con lo scopo di far finanziare le attività e la gestione dei mici ospitati dall’associazione, tra cui anche tanti cuccioli in cerca di casa. In vendita calendari, tazze, magliette, strofinacci e decorazioni per Natale, tutti i weekend dalle 16 alle 18.

+++

45876470_2183934688524976_2596274242571993088_o

PIZZATA DI NATALE, VAREDO (MI), DOMENICA 2 DICEMBRE 2018

L’associazione “Una luce fuori dal lager” è formata da un gruppo di volontari che “dopo anni di attivismo e volontariato nei canili delle province di Milano, Monza, Como e Varese hanno  deciso di dedicarsi completamente a salvare cani dai canili lager della Lombardia”, scrivono sul loro sito. I “lager” sono quei posti dove i cani entrano e non usciranno mai più, “gestiti da persone che pensano solo a far soldi sulla loro pelle”, “trattati come merce”, non curati e nutriti male per ottimizzare il guadagno e senza nessun interesse a farli adottare. La pizzata di domenica 2 dicembre a Varedo, in provincia di Milano, è un’occasione di finanziamento ma anche un’opportunità per chi volesse conoscere i volontari e la loro attività. Qui sito e pagina fb.

+++

Inaugurazione della mostra ?Cani in posa, dall?antichità ad oggi? presso la Reggia di Venaria, Torino, 19 ottobre 2018 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

CANI NELL’ARTE, VENARIA REALE (TO), FINO AL 10 FEBBRAIO 2019

Aperta alla Reggia di Venaria, in provincia di Torino, la prima grande mostra d’Italia sul tema del cane nell’arte: “Cani in posa. Dall’antichità ad oggi”. L’esposizione, con sculture e dipinti eseguiti da alcuni fra i massimi artisti di tutti i tempi, da Pompei fino ad oggi, ha come oggetto la costante presenza del cane nel mondo dell’arte figurativa occidentale, spesso quale motivo accessorio della grande pittura di storia, ma anche come un genere vero e proprio coltivato dai pittori “animalisti” o da artisti completi cimentatisi in vari settori, sia con carattere autonomo che legato al genere del ritratto. Dopo la figura umana, il cane, “amico dell’uomo” per antonomasia, è l’animale da sempre più rappresentato dagli artisti, tradendo un legame affettivo e un’affinità elettiva che travalica gli aspetti del decoro formale. Presente in esposizione il mosaico pompeiano “Cave canem” del Museo Archeologico di Napoli e poi opere datate tra il ‘500 e il ‘700 di artisti come Jacopo Bassano, Frans Snyders, Luca Giordano, Sebastiano Ricci, Giovan Battista Tiepolo, Antonio Canova, fino a contemporanei come Eliott Erwitt e Keith Haring. A cura di Francesco Petrucci, è aperta fino a domenica 10 Febbraio 2019. Alla mostra, organizzata in collaborazione con Enci, sono ammessi cani di piccola e media taglia, con una certa elasticità. L’ingresso da martedì a domenica è a pagamento, 12 euro. (foto Alessandro Di Marco/Ansa)

+++

USA. New York City. 2000.

MOSTRA FOTOGRAFICA, TREVISO, FINO AL 3 FEBBRAIO 2019

Pelosi in mostra a Treviso: “Come gli umani, solo con più capelli” è il titolo dell’esposizione fotografica di Elliott Erwitt che apre sabato 22 settembre alla Casa dei Carraresi e dura fino al 3 febbraio 2019. Raccoglie parte della copiosa e originalissima produzione del grande fotografo dedicata al migliore amico dell’uomo, che si vanta di aver ormai ritratto migliaia di quattrozampe anche se, soprattutto nei primi decenni di carriera, quasi sempre a margine del proprio lavoro per l’agenzia Magnum. In un percorso originale dagli anni ’50 a oggi, sono esposti 80 scatti, tutti realizzati “dal punto di vista dei cani”, che indagano l’atteggiamento naturale e irriverente degli animali in contrapposizione a quello dei loro padroni. In mostra anche video, documenti e altro materiale dedicato al tema. Insieme all’Associazione Cinofila Trevigiana, Il Circolo Cinofilo di Pordenone e l’Enpa di Treviso, gli organizzatori hanno previsto una serie di incontri e lezioni pratiche a margine della mostra. Per saperne di più cliccare qui (nella foto sopra New York City 2000, una delle immagini in esposizione)

+++

dinosauri_mil

DINOSAURI A MILANO, FINO AL 3 FEBBRAIO 2019

Fino al 3 febbraio 2019 alla Fabbrica del Vapore di Milano c’è Dinosaur Invasion, un parco giurassico a grandezza naturale che offre un’esperienza unica e dinamica di grande impatto: l’Invasione è di oltre 30 dinosauri da osservare ciascuno nel proprio ambiente, ricreato con cura in 17 isole interamente scenografate. Grazie alla tecnologia degli “animatronics”, sistemi tecnologici e robotici in grado di muovere le grandi e fedeli riproduzioni dei dinosauri, il visitatore è immerso in una giungla di piante artificiali, effetti speciali e luminosi robotizzati, che muovono il corpo la lingua, la bocca, gli occhi, la coda, le ali e gli artigli. Le creature sono state progettate e costruite sulla base delle indicazioni di un team di paleontologi professionisti per ricostruire anche i movimenti, fedeli al loro comportamento in natura. Un’esperienza che comunque non tralascia gli aspetti scientifici ed educativi con approfondimenti sull’evoluzione, sulla classificazione e sull’habitat di questi animali. Oltre ad appassionare i più piccoli la mostra offre ai più grandi spunti scientifici sulle scoperte genetiche e i progressi scientifici che un giorno potrebbero riportare in vita un meraviglioso cucciolo di dinosauro. Chiuso lunedì, info qui.