Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
sciacallo_dorato_toscana

Lo sciacallo dorato arriva in Toscana: avvistato in un’oasi a Prato

Un raro esemplare di sciacallo dorato è stato avvistato in Toscana, a Cava Volpaie, l’oasi della biodiversità poco sopra l’abitato di Bagnolo, nel comune di Montemurlo (Prato), durante un appostamento notturno con le fototrappole. A rivelarlo sono gli operatori di Natural Oasis e Fondazione Parsec. Lo sciacallo dorato non è un animale che fa parte dell’ecosistema degli Appennini, spiega una nota del Comune di Montemurlo, ma è diffuso in Europa orientale e in Asia; alcuni esemplari sono stati avvistati nelle vallate prealpine in Friuli Venezia Giulia e in Trentino ma anche in Piemonte. A causa dei cambiamenti climatici in atto e della trasformazione dei territori, sempre più urbanizzati, la specie si sta progressivamente spostando verso il sud del nostro Paese.

3102e36af8d2f12f94ee79b526be216d

PASSANO DAGLI APPENNINI PER SPOSTARSI A SUD

“Sapevamo dai gruppi di ricerca che seguono l’andamento dell’espansione territoriale di questa specie in Italia che, prima o poi, lo sciacallo avrebbe utilizzato gli Appennini come corridoio per spostarsi verso sud – spiega Francesco Bacci, ricercatore e fotografo naturalista di Naturaloasis -. La conferma dell’avvenuto balzo è arrivata a fine novembre 2021 quando, dal programma di monitoraggio del basso Appennino pratese (avviato nel 2010 dall’associazione Natural Oasis e dal 2020 in modo congiunto con Fondazione Parsec), sono state evidenziate le prime prove certe della presenza di questo animale sul territorio”. L’individuo di questa specie, ripreso dagli operatori Natural Oasis e Fondazione Parsec, potrebbe essere il primo arrivato in Toscana o anche uno di molti già presenti sul territorio e probabilmente presto questa specie entrerà a far parte dell’ecosistema regionale a tutti gli effetti. (Ansa)

Su 24zampe: Puglia, la prima unità di cani anti xylella pronta a salvare gli ulivi