Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
epa08687623 A person stands next to a stranded pilot whale at Macquarie Harbour, Tasmania, Australia, 22 September 2020. A large rescue mission to save approximately 270 pilot whales has begun. According to reports 90 whales have perished.  EPA/BRODIE WEEDING / POOLL AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Tasmania, salve solo 50 delle circa 500 balene spiaggiate

Nonostante un grande sforzo per salvarle, già 380 delle balene arenate da giorni in Tasmania sono morte. Lo hanno reso noto i soccorritori, impegnati per cercare di liberare i circa 500 cetacei, dei globicefali. “Ne sono rimasti circa 30 ancora vivi, ma la buona notizia è che ne abbiamo salvati 50”, ha detto Nic Deka, responsabile del servizio di parchi e fauna della Tasmania. Oggi altre 200 balene sono state scoperte a Macquarie Harbour, sulla costa occidentale della Tasmania, uno stato insulare a sud dell’Australia, portando a 470 il numero degli esemplari rimasti bloccati questa settimana. Centinaia di cetacei sono morti nonostante gli sforzi per salvarli, che proseguono nella speranza di poterne ricondurre in mare almeno qualche decina.

IL PIU’ GRANDE SPIAGGIAMENTO DI MASSA MAI REGISTRATO IN TASMANIA

Deka ha anche detto che la maggior parte delle balene di questo secondo gruppo, scoperto questa mattina presto da un equipaggio di sorveglianza aerea, era morta. “Al momento stiamo andando nell’altra baia, dove si trova il gruppo più numeroso”. L’equipaggio di salvataggio, composto da 60 ambientalisti, volontari qualificati e dipendenti degli allevamenti ittici locali, sta ora concentrando i loro sforzi sul primo gruppo, tra i quali vi sarebbero molti sopravvissuti, in quanto parzialmente sommersi. I soccorritori hanno trascorso la giornata di ieri guadando le fredde secche per liberare circa 25 animali, utilizzando barche dotate di speciali imbracature per guidarli di nuovo in mare aperto. La scoperta di altre 200 balene rende questo spiaggiamento il più grande mai registrato in quest’area.

A handout photo taken on September 22, 2020 and received on September 23 from Tasmania Police shows people helping a whale in Macquarie Harbour on the rugged west coast of Tasmania, as hundreds of pilot whales have died in a mass stranding in southern Australia despite efforts to save them, with rescuers racing to free a few dozen survivors. (Photo by Handout / TASMANIA POLICE / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / TASMANIA POLICE" - NO MARKETING - NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

LE CAUSE DEGLI SPIAGGIAMENTI SONO ANCORA INSPIEGABILI

Trovare una spiegazione per uno spiaggiamento di massa non è facile neppure per gli esperti. Tra le cause possibili c’è il fortissimo senso del branco, che spinge gli animali a “fidarsi” del capobranco ciecamente, anche se perde l’orientamento magari per una malattia, oppure il fenomeno delle “death trap” (trappole di morte), baie in cui – per le caratteristiche del fondale – il sonar dei cetacei rimbalza in modo anomalo e li manda in confusione. Salvare i globicefali spiaggiati è molto difficile: “Se ne riporti in acqua uno, mentre vai a prendere gli altri quello torna a riva dai suoi compagni – spiegava la biologa Sabina Airoldi di Tethys per un caso simile in Nuova Zelanda -. Bisogna riportarne in mare contemporaneamente un gran numero, così da riformare il branco”. Anche l’uomo può contribuire allo spiaggiamento: rumori fortissimi come i sonar militari o le esplosioni per le ricerche petrolifere, gli airgun, possono stordire i cetacei o lesionarne gli organi interni. (foto Epa, Afp, Reuters)