Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
62 dogs rescued from Yulin slaughterhouse June 2019.

Dopo il Coronavirus Shenzhen vuol vietare di mangiare cani e gatti

Sembra essere tempo di profondi cambiamenti nel rapporto tra i cinesi e gli animali, selvatici ma anche domestici: uno dei rari “meriti” del Coronavirus. Dopo il divieto di consumo e commercio dei primi nei giorni scorsi in seguito all’emergenza sanitaria, arriva oggi la notizia che la città di Shenzhen si sta muovendo per mettere fuorilegge anche il consumo di carne di cani e gatti, abitudine magari in disuso tra le nuove generazioni urbane e occidentalizzate ma ancora legale nel paese. I nuovi regolamenti proposti dal governo della città elencano solo nove carni di animali terrestri autorizzate per il consumo umano: maiale, pollo, manzo, coniglio, agnello, asino, anatre, oche e piccione oltre a pesce e frutti di mare. Serpenti, tartarughe e rane sono stati esclusi dall’elenco approvato nonostante siano piatti popolari nel sud della Cina. Entro giovedì 5 marzo è attesa la risposta alla bozza.

LA SODDISFAZIONE DEGLI ANIMALISTI DI HSI: “DIVIETO SAREBBE ESTREMAMENTE GRADITO”

Soddisfatta Humane Society International, un gruppo che si impegna globalmente per il benessere degli animali: un divieto di mangiare carne di cani e gatti a Shenzhen ”sarebbe estremamente gradito”, ha detto a Reuters Peter Li, un loro rappresentante. Che aggiunge: “Sebbene il commercio a Shenzhen sia abbastanza piccolo rispetto al resto della provincia, questa è una città enorme, più grande di Wuhan (l’epicentro del Coronavirus, nd24z), quindi questo sarebbe molto significativo e potrebbe anche avere un effetto-domino su altre città”. Secondo le stime di Hsi, la Cina è responsabile della macellazione di 10 milioni di cani e 4 milioni di gatti a scopo alimentare ogni anno, allevati allo scopo ma spesso anche rapiti.

IL CORONAVIRUS PASSATO ALL’UOMO GRAZIE A UN ANIMALE SELVATICO COME OSPITE INTERMEDIO

Per quanto riguarda le nuove disposizioni sugli animali selvatici, gli scienziati sospettano che il nuovo virus sia passato agli umani dagli animali, sebbene quali ancora non lo si sia capito. Nel “wet market” della capitale della provincia di Hubei, Wuhan, venivano venduti tra gli altri pipistrelli, serpenti e zibetti. “Vietare il consumo di animali selvatici è una pratica comune nei paesi sviluppati e un requisito universale della civiltà moderna”, è scritto nella bozza di nuovo regolamento per la città, centro tecnologico della Cina meridionale.

A YULIN CHIUSA LA MAGGIOR PARTE DELLE ATTIVITÀ DI MACELLAZIONE DI CANI

In Cina l’attenzione al fenomeno del consumo di animali, sia d’affezione che selvatici, fa seguito all’allarme Coronavirus ma anche in questo caso si può ben dire che non tutto il male vien per nuocere. A Yulin, la città nella vicina provincia del Guangxi famigerata tra gli amanti degli animali per il festival della carne di cane, la maggior parte delle attività di macellazione di quattrozampe (nella foto sopra) ha chiuso negli ultimi due mesi a causa delle restrizioni sul trasferimento degli animali attraverso i confini provinciali, ha detto ancora Li.

– Il pacchetto coronavirus su 24zampe

 

  • Guido Minciotti |

    Non è una cosa semplice: consideri che negli anni Sessanta eravamo 3 miliardi sulla Terra e oggi siamo 8, in crescita. Non è una giustificazione ma il problema è complesso. Grazie di leggere 24zampe, saluti gm

  • Maria Monti |

    Vorrei che ci fossero delle aziende che crescano, allevino e macellino animali nel rispetto e nell’amore di Dio. Come gli cresceva mia nonna, dando loro un nome, una carezza, del buon mangiare. Vorrei comperare carni solo da animali cresciuti e sacrificati con rispetto e ringraziando Dio. Spero che ci saranno queste aziende, tanti di noi non vogliano carni da animali trucidati in condizioni disumani.

  • Maria Cristina |

    E proprio il caso di dire che non tutto il male viene per nuocere e mi auguro che ci sia divieto assoluto di queste mattanze a yulin.

  • Giovanna |

    Giustissimo! La natura va rispettata in ogni sua forma, tutto il Creato merita il nostro rispetto, invece si continua ad inquinare, a danneggiare l’ambiente e a maltrattare gli animali. Tutti gli allevamenti intensivi devono essere chiusi per tutelare la nostra salute e quella degli stessi animali.

  • Giovanna |

    Queste pratiche devono essere definitivamente abolite, non solo per la maggior parte!!!

  Post Precedente
Post Successivo