Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
naso_cane_sniffer

Francia, il centro Curie testa l’olfatto dei cani sul tumore al seno

L’olfatto dei cani può riconoscere il tumore al seno? L’istituto Curie, punto di riferimento francese per la lotta al cancro a livello mondiale, lancia una sperimentazione su 450 donne, metà delle quali affette da tumore al seno: alcuni cani addestrati e particolarmente sensibili proveranno a individuare – attraverso compresse di garza utilizzate dalle donne – quali sono quelle utilizzate dalle pazienti che hanno sviluppato il tumore. La sperimentazione nasce dall’intuizione di un’infermiera specializzata in effetti del tumore, Isabelle Fromantin, che si è convinta che le componenti “volatili” potessero fungere da strumenti diagnostici: “Non si tratta di sostituire le mammografie” spiega a Le Parisien ma di poter offrire un’alternativa a chi è reticente a quell’esame o a chi vi accede con difficoltà a causa di handicap o situazione geografica. Nel 2016, il progetto decollò grazie a un appello alle donazioni e all’impegno dell’istituto Curie. Se il test dovesse dare risultati positivi, gli scienziati del Curie ipotizzano di usare l’olfatto dei cani in futuro anche per provare a individuare i tumori alle ovaie. All’ospedale Tenon di Parigi, si studia da una decina d’anni la possibilità di addestrare cani a individuare il cancro della prostata a partire da un campione di urina. (Ansa)

Aprile 2019 – Con il fiuto del “Dottor Beagle” la diagnosi è quasi perfetta (97%)