Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cane_cina3ypirxas

Lao Mao, l’uomo che salva cani e gatti bloccati in casa a Wuhan

Lao Mao, che significa “Vecchio gatto”, non è il suo vero nome. Meglio non diffonderlo, forse, visto che, seppur invitato dai padroni, si introduce in case private per salvare gli animali domestici rimasti bloccati dentro dall’imponente coprifuoco scattato a Wuhan da quando la notizia del coronavirus 2019-nCoV si è diffusa. Lao Mao ha 43 anni ed è possibile contattarlo sui social, racconta Reuters, come hanno fatti i proprietari di due gatti che avevano lasciato la città per tre giorni di vacanza ma non sono più riusciti a rientrarvi. Lui si è arrampicato al terzo piano e ha trovato gli animali sotto un divano, affamati ma ancora vivi, e gli ha dato da mangiare. “I due anziani coniugi piangevano, durante la videochiamata, alla vista dei loro gattoni”, racconta. “Con i volontari del nostro team abbiamo salvato più di mille animali domestici dal 25 gennaio”, ha detto Lao Mao, che stima siano 50mila quelli lasciati soli a casa a Wuhan da persone partite per un viaggio durante questa stagione delle feste per il Capodanno lunare.

maschere_cani_cina

IL TELEFONO DI LAO MAO NON SMETTE DI SQUILLARE

“Il mio telefono non smette mai di squillare in questi giorni, dormo a malapena”, ma “la mia stima è che almeno 5mila pets sono ancora intrappolati e potrebbero morire di fame nei prossimi giorni”, ha detto Lao Mao ai giornalisti Lusha Zhang e Ryan Woo. Dalla Cina in questi giorni arrivano notizie di animali d’affezione abbandonati dai padroni perchè sospettati di diffondere il virus e sul web circolano segnalazioni di cani e gatti catturati e uccisi per lo stesso motivo. Suichang, una piccola contea nello Zhejiang, la seconda provincia dopo Hubei con il maggior numero di infezioni da 2019-nCoV, venerdì ha ordinato ai residenti di tenere a casa i loro cani altrimenti saranno soppressi. Si diffondono anche le mascherine per cani (foto sopra), nell’errata convinzione che gli animali domestici possano infettarsi e diffondere il virus. La paura arriva fino a Pechino: “Sono preoccupato per il fatto che il mio barboncino sia odiato dai vicini”, ha detto Wang Fengyun alla Reuters. “Non ho trovato nessuna maschera per animali, quindi ne ho fatta una con un bicchiere di carta”. (foto in alto Noel Celis/Afp)

  • Gabriele |

    Fa piacere sapere che in mezzo a tante persone ignobili e crudeli , da prendere veramente a bastonate, ci siano delle eccezioni a cui va profonda riconoscenza per tanta sensibilita’ .
    Una cosa e’ certa che il razzismo si alimenta anche dai comportamenti dovuti a tanta cattiveria verso animali indifesi. Sarebbe bello assistere alla sofferenza di questi carnefici.

  • Dario |

    Eccezione che conferma la regola

  • Giuseppina |

    Amico mio, purtroppo non ti conosco ma ti voglio un mare di bene! Persone onorevoli come te non sono molte. Spero ti sia riconosciuta la tua Grandissima sensibilità e disponibilità per chi è indifeso e bisognoso di aiuto e spero Tanto che Ti sia resa la stessa incredibile umanità.

  • Giuseppina |

    GRANDE CUORE E ANIMO NOBILE MERITA IL 1° POSTO NELLA LISTA DEI BENEFATTORI. UN GRANDISSIMO ABBRACCIO CON TANTO AFFETTO.

  • Giuseppina |

    QUESTE AMMIREVOLI PERSONE SAREBBERO DA PREMIARE IN QUALCHE MODO PERCHE’ SONO EROI E MERITANO TANTO E DI PIU’

  Post Precedente
Post Successivo