Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
49477918967_daac36483a_k1

Londra, l’impegno di J. Phoenix contro gli allevamenti intensivi

L’attore e attivista per i diritti degli animali, Joaquin Phoenix, qualche ora prima della cerimonia dei Bafta, il più importante premio britannico per cinema e tv che ha vinto come miglior attore per ‘Joker’ , si è unito ad Animal Equality per un’azione di protesta sul Tower Bridge di Londra. L’organizzazione internazionale per la protezione degli animali ha manifestato per attirare l’attenzione sui danni che gli allevamenti intensivi causano agli animali e all’ambiente. Phoenix e altri attivisti ieri hanno appeso uno striscione di 36 metri sul ponte con su scritto: “Gli allevamenti intensivi distruggono il nostro pianeta. Scegli vegan”. Lo striscione e i cartelloni appesi e tenuti a mano da decine di attivisti sono un appello al pubblico perché anche i consumatori facciano scelte più consapevoli e giuste per gli animali e per il Pianeta.

49478019042_fc9cd258ed_k

“POSSIAMO MITIGARE GLI EFFETTI DEL CLIMATE CHANGE REGOLANDO I NOSTRI CONSUMI”

Phoenix – che già si era espresso sullo stesso argomento in occasione dei Golden Globes poche settimane fa – ha dichiarato: “Abbiamo una responsabilità personale di agire in questo momento e un modo per mitigare i cambiamenti climatici è regolando i nostri consumi e scegliendo un’alimentazione a base vegetale. A volte sento che non si parla abbastanza di tutto questo. Quindi voglio solo incoraggiare le persone a informarsi di più su come mangiare a base vegetale e come fare la differenza per avere un impatto su questa vera e propria emergenza climatica”. Nel corso dell’azione, Joaquin e altri attivisti di Animal Equality hanno tenuto cartelli che mostrano la sofferenza degli animali negli allevamenti intensivi, nonché l’impatto di questo sistema sull’ambiente e sul clima. (nelle foto alcuni momenti della manifestazione a Londra)

49477699121_8e490931e4_k

 

  • Dario |

    Speriamo gliene diano dieci di oscar. E…i nostri “grandi” attori che fanno? La pubblicità al tonno?

  Post Precedente
Post Successivo