Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
uccellino

Gli uccelli non cantano più: sono meno e c’è poca biodiversità

Il paesaggio sonoro costituito dal canto degli uccelli si sta impoverendo sia in Nord America sia in Europa come conseguenza del calo del numero degli animali e di una riduzione della loro diversità. Lo sostiene uno studio condotto da ricercatori di diverse istituzioni europee coordinate dall’University of East Anglia a Norwich (UK) e pubblicato su Nature Communications. La ricerca ha ricostruito il cambiamento del paesaggio sonoro primaverile nel corso degli ultimi 25 anni in oltre 200mila località sulle due sponde dell’Atlantico. “I paesaggi sonori naturali sono sottoposti a una pressione sempre crescente a causa della perdita globale di biodiversità e i nostri risultati rivelano un deterioramento cronico della loro qualità”, scrivono i ricercatori.

PER I RICERCATORI CRESCE LA DISCONNESSIONE TRA UOMO E NATURA

“Questi cambiamenti suggeriscono che i paesaggi sonori naturali, nel complesso, sono diventati sia più omogenei sia più silenziosi”. Più della metà della popolazione mondiale vive ormai in città: in molti luoghi il canto degli uccelli è rimasto l’unico flebile contatto con la natura. “Questa cosiddetta estinzione dell’esperienza sta determinando una crescente disconnessione tra uomo e natura, con impatti negativi sulla salute fisica, sulle capacità cognitive e sul benessere psicologico”, affermano i ricercatori. (Ansa)

Su 24zampe: Centinaia di migratori schiantati contro i grattacieli a Ny

Su 24zampe: Lista rossa Iucn, in Italia 67 specie di_uccelli a rischio estinzione

 

  • Guido Minciotti |

    Sfuggita… proprio volata via! Grazie gm

  • Dario |

    “Ammonta a tremila euro la sanzione che ciascuno dei cinque cacciatori coinvolti dovrà pagare per aver ucciso centinaia di colombacci in spregio alle regole. Le violazioni sono state contestate oggi dall’Ispettorato di Cagliari del Corpo forestale”

    Questi poveri colombacci sicuramente non emetteranno più alcun suono.
    Troppo poco 3 mila euro a testa.

    Ps: la notizia ti è sfuggita…?

  • Dolores Poloni |

    Buongiorno, sono sempre attenta al movimento dei volatili – colombi di città incluso – sia nel mio cortile che nelle strade e piazze del mio quartiere.. Quest’anno effettivamente quasi zero canti e zero visite sul balcone. Le bacche degli arbursti in piazza IV Marzo sono ancora tutte sulle piante, mentre l’anno scorso frotte di uccelli hanno banchettato con gusto. La mia è una testimonianza da semplice cittadino che ritiene fauna e flora imprescindibili per evitare il collasso del pianeta. Dolores Poloni

  Post Precedente
Post Successivo