Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
FILE PHOTO: Pigs stand in a field near RAF Lossiemouth, Scotland, April 13, 2018. REUTERS/Russell Cheyne/File Photo

Uk, nei macelli mancano personale e il gas per stordire i maiali

Sarebbero circa 100mila i maiali bloccati negli allevamenti britannici a causa di una crisi che sta colpendo il settore della macellazione. La Brexit, la carenza di personale nei mattatoi causata dalla pandemia e l’imminente blocco degli approvvigionamenti di anidride carbonica hanno creato una “tempesta perfetta” che si starebbe per abbattere sull’industria alimentare del Regno Unito. La CO2, utilizzata nell’industria alimentare e delle bevande, serve anche per lo stordimento degli animali nei macelli prima dell’abbattimento. Ma alcuni fornitori del gas hanno interrotto la produzione a causa dell’aumento dei costi energetici.

I SUINI IN ECCESSO OSPITATI NELLE STALLE DEI BOVINI E NEI DEPOSITI

Ora gli allevatori stanno utilizzando ogni spazio possibile per ospitare i maiali, dalle stalle dei bovini ai capannoni per lo stoccaggio delle patate, ha detto Zoe Davies, amministratore delegato della National Pig Association, alla Bloomberg. Ma una soluzione “a breve” non c’è. E il processo è molto veloce: “Se la CO2 si esaurisce, dopo quattro o cinque giorni i banchi delle macellerie e gli scaffali dei supermarket resteranno senza carne di maiale e pollame britannici”, conclude Nick Allen, ceo della British Meat Processors Association. Il governo starebbe lavorando a un piano di aiuti al settore della CO2.

Su 24zampe: Anche i cittadini delle Faroe criticano la mattanza dei delfini

+++

AGGIORNAMENTO DEL 22 SETTEMBRE 2021 – GB SOVVENZIONERA’ LA PRODUZIONE DI CO2

Il governo britannico verserà decine milioni di sterline di sussidi ad una società americana di fertilizzanti per assicurare la fornitura di Co2, necessaria alla propria industria alimentare, già messa a dura prova dalle conseguenze della Brexit. L’intervento si è reso necessario di fronte all’impennata globale dei prezzi del gas che aveva portato la Cf Fertilisers a interrompere la produzione di Co2 nei suoi due impianti britannici, dove si produce il 60% del fabbisogno del Regno Unito. Nell’industria alimentare, l’anidride carbonica (Co2) viene usata per abbattere gli animali ma anche per garantire maggiore durata ai prodotti freschi confezionati venduti nei supermercati. Per questo il dipartimento dell’Industria ha annunciato un “sostegno finanziario limitato” alla Cf per le prossime tre settimane mentre il mercato della Co2 si adatterà alla crescita dei prezzi del gas. Il ministro per l’Ambiente e l’Alimentazione, George Eustice, ha spiegato che si stanno finalizzando i dettagli, ma che si tratterà di “molti milioni, possibilmente decine di milioni”. Senza quest’accordo, ha sottolineato Eustice, si rischia la chiusura di alcuni impianti di lavorazione del pollame, già la settimana prossima. E lo stesso potrebbe avvenire per la macellazione dei maiali. Senza l’intervento del governo, ha detto a Sky news, “ci sarebbe un rischio per la catena delle forniture alimentari, ed è un rischio che non vogliamo prendere”. (Adnkronos/Dpa)

  Post Precedente
Post Successivo