Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Leonardo da Vinci's (1452-1519) "Head of a bear" drawing is seen in this undated handout image. Copyright Christie's2021/Handout via REUTERS  THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. NO RESALES. NO ARCHIVES. MANDATORY CREDIT

La “Testa di orso” di Leonardo all’asta a Londra: 8-12 milioni

Una “Testa di orso” disegnata da Leonardo da Vinci (1452 -1519) sarà messa in vendita da Christie’s a Londra come lotto principale della ‘Exceptional Sale’ che si terrà l’8 luglio. Si tratta di uno degli otto disegni superstiti del genio del Rinascimento ancora in mani private al di fuori della British Royal Collection di Windsor e delle Devonshire Collections di Chatsworth. Lo studio approfondito della testa dell’animale misura 7 x 7 cm e fu eseguito a punta d’argento su carta rosa pallido-beige, con una tecnica insegnata a Leonardo dal suo maestro Andrea del Verrocchio. Il disegno è da oggi esposto al pubblico da Christie’s al Rockefeller Center di New York per poi essere trasferito nella sede di Christie’s a Hong Kong dal 20 al 25 maggio. Andrà quindi a Londra, dove sarà visibile dall’1 al 6 giugno prima dell’asta, dove verrà offerto con una stima di 8-12 milioni di sterline. Dalla sua prima mostra nel 1937, il disegno “Testo di orso” è stato esposto in musei di tutto il mondo, compresa la grande esposizione dedicata a Leonardo da Vinci dalla National Gallery di Londra nel 2011-12 e dopo è stato presentato al Louvre di Abu Dhabi, al Museo di Belle arti Pushkin di Mosca e all’Ermitage di San Pietroburgo.

GLI STUDI DI ANIMALI DI LEONARDO

Questo foglio si collega a tre studi simili su piccola scala di animali, uno studio su due gatti e un cane custodito al British Museum di Londra; un foglio a doppia facciata con studi sulle zampe di un cane delle National Galleries of Scotland di Edimburgo; uno studio di un orso che cammina nella collezione Lehman al Metropolitan Museum of Art di New York. Gli studi sono tutti databili alla prima metà degli anni Ottanta del Quattrocento. Il volto dell’orso è molto vicino all’ermellino presente ritratto di Cecilia Gallerani o “Dama con l’ermellino” di Leonardo ora al Museo di Cracovia. Ben Hall, presidente del Dipartimento di ‘Old Master Paintings’ di Christie’s a New York, ha commentato: “Sono lieto che questo capolavoro, una delle opere più importanti del Rinascimento ancora in mano a privati, sia stato nuovamente affidato a Christie’s dopo la sua prima vendita nel 1860. L’opera è stata di proprietà di alcuni dei più illustri collezionisti nel campo degli antichi maestri per molti secoli, non ultimo l’attuale proprietario che lo possiede dal 2008. È stato ammirato in tutto il mondo mentre è stato mostrato da prestigiosi musei e Christie’s è onorata ora di portare questo lavoro di Leonardo sul mercato dell’arte in questo periodo”.

Su 24zampe: Il geniale “Leonardo da Veggie” era animalista già 500 anni fa

Su 24zampe: Sorpresa: c’è un cane con guinzaglio nella “Vergine delle rocce” di Leonardo