Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
TOPSHOT - The coronavirus sniffer dogs named Valo (L) and E.T. stand by their trainers at the Helsinki airport in Vantaa, Finland, where they are trained to detect the Covid-19 from the arriving passengers, on September 22, 2020. (Photo by Antti Aimo-Koivisto / Lehtikuva / AFP) / Finland OUT

Covid, all’aeroporto di Helsinki cani per rilevare l’infezione

Da un paio di giorni, ai passeggeri in arrivo all’aeroporto internazionale di Helsinki viene offerto un test rapido – dieci secondi – per il coronavirus: ad eseguirlo sono un paio di cani, addestrati a rilevare l’odore del Covid. Si tratta di un programma pilota che mira a rilevare le infezioni utilizzando il sudore raccolto con delle salviettine passate sul collo dei passeggeri in arrivo. Il cane impiega una decina di secondi ad ‘esaminarle’, e l’intera operazione dura circa un minuto. Se il cane rileva il virus, il passeggero viene poi sottoposto al più tradizionale tampone.

I CANI GIA’ UTILIZZATI PER RILEVARE ALTRE MALATTIE

Citata dal Guardian, Anna Hielm-Bjorkman dell’Università di Helsinki, che sta supervisionando il programma, ha affermato che il processo “e’ molto promettente”, e “se funziona, potrebbe rivelarsi un buon metodo di screening in altri luoghi” come ospedali, case di cura o centri sportivi. Nei test preliminari dell’università, i cani – che in precedenza erano stati utilizzati per rilevare malattie come il cancro e il diabete – sono stati in grado di identificare il virus con un’accuratezza quasi del 100%, anche giorni prima che un paziente sviluppasse i sintomi, scrive la stessa fonte. Su 24zampe abbiamo raccontato qui l’esperienza inglese dei Medical detection dogs.