Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
caccia1

Preapertura della caccia in 15 regioni: l’Italia rischia sanzioni Ue

Parte in anticipo, come ormai ogni anno, la stagione venatoria. Da domani, 2 settembre, le preaperture della caccia consentono di sparare in 15 regioni, in deroga alla legge che prevede il via libera alle doppiette solo dalla terza settimana di settembre. Una concessione ai cacciatori – dicono le associazioni ambientaliste – che viola le leggi italiane ed europee, e che espone il Paese anche al rischio di una procedura di infrazione Ue. Le preaperture quest’anno interessano tutte le regioni a eccezione di Liguria, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige e Veneto. In quest’ultima lo stop è arrivato in extremis dal Tar, che ha accolto il ricorso degli ambientalisti. Ricorso vinto anche in Toscana dove il Tar aveva deliberato la sospensiva ma la stessa Regione, in tarda serata, ha precisato che la preapertura della caccia in deroga, a partire dal 2 settembre, per tortore e storni, è ancora in vigore. La Giunta, infatti, ieri, ha approvato una delibera che, rifacendosi alla decisione dei giudici amministrativi, ha stabilito che il numero di tortore prelevabili sia di 5 per giornata e per ciascun cacciatore, nel rispetto del limite stagionale di 20 capi stabiliti nel calendario venatorio regionale. Piemonte e Basilicata sono le regioni a concedere il maggior numero di giornate di caccia in preapertura (8), seguite da Marche (7) ed Emilia-Romagna (5). Secondo una stima di Lav sono circa 500 milioni ogni anno gli animali vittime dei fucili: “Un vero e proprio bollettino di guerra, che nell’ultima stagione di caccia conta anche 95 vittime umane, con 27 morti e 68 feriti”.

SPARARE ALLA TORTORA CI COSTERA’ UNA SANZIONE DALL’UE, AVVERTE LIPU

A finire nel mirino sono 12 specie: cornacchia grigia, cornacchia nera, gazza, ghiandaia, colombaccio, merlo, alzavola, beccaccino, marzaiola, quaglia, germano reale e tortora selvatica. Proprio per la tortora, una specie vulnerabile che versa in un cattivo stato di conservazione, “è molto concreto il rischio che l’Italia diventi oggetto di una procedura di infrazione europea, come accaduto per Francia e Spagna”, avverte la Lipu. “La caccia alla tortora selvatica è autorizzata nonostante le richieste internazionali di moratoria, l’opposizione del ministero dell’Ambiente italiano, il Piano di gestione nazionale della specie che sconsiglia le preaperture, e il parere negativo dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Un’incredibile serie di divieti – evidenzia la Lipu – che le regioni hanno inteso disattendere, a dimostrazione della totale sudditanza culturale e politica nei confronti del mondo venatorio”.

PER IL WWF FAUNA “SACRIFICATA PER QUALCHE VOTO IN PIU’ ALLE ELEZIONI”

Contro le preaperture, in deroga alla legge 157 del 1992, torna a schierarsi anche il Wwf: “Le deroghe sono quasi sempre autorizzate in violazione delle leggi italiane ed europee poste a tutela degli animali selvatici e delle aree dove vivono, si nutrono e si riproducono”. Per le regioni, sostiene il vicepresidente del Wwf Italia Dante Caserta, “la fauna è ‘selvaggina’ da sacrificare alla lobby dei cacciatori per avere qualche voto in più alle elezioni. Né il Governo nazionale, né l’Ue riescono a mettere in campo misure idonee a contrastare questa deregulation. E la mancanza di controlli fa il resto”. Dello stesso avviso Michela Vittoria Brambilla, deputata Fi e presidente della Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente, che denuncia il “sostanziale asservimento delle amministrazioni regionali alle lobby venatorie”. Per la Lega antivivisezione, nonostante l’emergenza Covid-19, vengono anche “pericolosamente sottovalutati i rischi sanitari derivanti dalla caccia e dalle prassi venatorie (uccisione, eviscerazione, dissanguamento di animali)”. (post aggiornato alle 22 con il ricorso vinto dalla Toscana che porta da 14 a 15 le regioni che preaprono la stagione venatoria)

Su 24zampe: Peste bubbonica, la Russia ferma la_caccia alla marmotta

Su 24zampe: Trump vuole riaprire la_caccia a orsi, lupi e loro cuccioli nelle tane

  • Marco |

    la Lipu e le altre associazioni animaliste sono anni che continuano a minacciare sanzioni europee sulla caccia mai arrivate per il semplice fatto che le condizioni esistono solo nella loro mente e nei loro proclami. Sapete invece quali sanzioni hanno colpito l’Italia? Quelle su cui avrebbe dovuto vigilare il ministero dell’ambiente, da sempre filo animalista e con Costa e il suo consigliere Mamone Capria, ex presidente Lipu, il ministro più anticaccia e a parole ambientalista mai avuto. Ripetuta violazione dei limiti annuali e orari di biossido di azoto (NO2) nell’aria delle città e per il mancato adeguamento dei sistemi di trattamento delle acque di scarico alle norme europee a esempio. O vogliamo parlare dell’Ilva? E della salubrità dell’acqua potabile. In questo l’Italia è sotto infrazione, così come in un gran numero di casi in campo fiscale. A oggi le procedure di infrazione a carico del nostro Paese si attestano a 83, di cui 68 per violazione del diritto dell’Unione e 15 per mancato recepimento di direttive. Sulla caccia propriamente detta non ne esiste una!

  • Chiara |

    La caccia, uno sport bellissimo… se anche gli animali avessero a disposizione un fucile. TROGLODITI!

  Post Precedente
Post Successivo