Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
alessia-zanni-bart

Durante lo smart working molti benefici dagli amici a 4 zampe

I mesi trascorsi lontano dalle scrivanie del posto di lavoro, durante il lockdown, sono stati meno traumatici grazie alla presenza degli amici a quattro zampe. In occasione della Giornata Mondiale del Cane in Ufficio, che si celebra venerdì 26 giugno, c’è un sondaggio di PetPassion.tv – un canale di Purina (azienda di prodotti per la cura di cani e gatti) – che lo conferma: un intervistato su 2 che è stato a casa in smart working durante l’epidemia di coronavirus grazie alla presenza del pet ha avuto in regalo momenti di spensieratezza e alleviato lo stress (40%), potendo godere di una bella atmosfera tra le mura domestiche (44%). E ancora, il 76% degli intervistati ha dichiarato che una maggiore presenza in casa della famiglia ha reso visibilmente più felice il proprio pet.

SI TORNA IN UFFICIO? CONSIGLI PER RIABITUARE IL PET ALLA NOSTRA ASSENZA DA CASA

Benefici reciproci, dunque, quando le persone e gli animali da compagnia stanno insieme anche sul posto di lavoro, afferma l’azienda che dal 2004 è “pet-friendly” e ha dato vita alla “Pets at Work Alliance” per supportare altre aziende nella creazione di un ambiente lavorativo aperto agli amici a quattro zampe. In vista del rientro in ufficio o della ripresa del lavoro fuori casa, Purina fornisce 10 consigli realizzati in collaborazione con Maria Chiara Catalani, medico veterinario esperto in comportamento animale, per riabituare il pet all’assenza del padrone da casa. Dall’aiuto di un parente o un pet sitter per fargli compagnia al fare una passeggiata “rilassante e divertente”, al rassicurarlo prima di uscire. E ancora “fissare dei punti fermi nella routine” di entrambi, assecondare il desiderio di socializzare anche in ufficio, se gli è consentito l’accesso, utilizzando un guinzaglio allungabile per rispettare il distanziamento sociale”.

– Sul sito della società è disponibile una guida con video, slides, consigli pratici e bozze di documenti a disposizione di chi vuole trasformare il proprio posto di lavoro in uno spazio che accoglie gli animali durante l’orario d’ufficio.

Gennaio 2019 – Un cane sotto la scrivania: Purina, Unicredit, Ats Milano e gli altri

Giugno 2018 – Un lavoratore su tre porta il cane in ufficio (e due su tre vorrebbero farlo)