Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
epa08234156 A woman wearing a face mask holds her dog, also wearing a face mask, in Guangzhou, Guangdong, China, 21 February 2020. The disease COVIDF-19, caused by coronavirus SARS-CoV-2, has so far killed 2,247 people with over 76,200 infected worldwide.  EPA/ALEX PLAVEVSKI

Iss: proteggere animali da padroni infetti, sono “suscettibili al virus”

Gli animali domestici “sono suscettibili a SARS-CoV-2” ed è importante proteggerli dai pazienti affetti da COVID-19, limitando la loro esposizione. Lo scrive oggi sul suo sito l’Istituto superiore di Sanità. “Fino al 2 aprile sono solamente quattro i casi documentati: in tutti i casi all’origine dell’infezione vi sarebbe la malattia dei loro proprietari affetti da COVID-19”. Per la virologa Ilaria Capua, medico veterinario e docente all’Università della Florida, con il primo contagio da Covid 19 su un gatto “è arrivato il colpo di coda che ci aspettavamo. Essendo un virus di origine animale, ora torna a infettarli. Bisogna così gestire anche l’infezione degli animali, sia domestici come l’esemplare felino che quelli da reddito, negli allevamenti. E questo sarà un enorme problema di gestione sanitaria pubblica”. Per L’Iss “il dato, per quanto limitato a poche osservazioni, merita attenzione – si legge sul sito dell’Iss – a questi casi di infezione avvenuta naturalmente, si stanno infatti aggiungendo i risultati degli studi sperimentali effettuati in laboratorio su alcune specie domestiche. Questi confermerebbero la suscettibilità del gatto, del furetto e, in misura minore, del cane all’infezione da SARS-CoV-2”.

gatto_mascherina_flickr_josh_dionne_jtd121_0

SOLO UNO DEGLI ANIMALI HA MOSTRATO SINTOMI INFLUENZALI

L’Iss spiega che nei due cani e nel gatto osservati ad Hong Kong, l’infezione si è evoluta in forma asintomatica. Il gatto descritto in Belgio ha, invece, sviluppato una sintomatologia respiratoria e gastroenterica a distanza di una settimana dal rientro della proprietaria dall’Italia. L’animale ha mostrato anoressia, vomito, diarrea, difficoltà respiratorie e tosse ma è andato incontro a un miglioramento spontaneo a partire dal nono giorno dall’esordio della malattia.  “Essendo SARS-CoV-2 un virus nuovo, occorre intensificare gli sforzi per raccogliere ulteriori segnali dell’eventuale comparsa di malattia nei nostri animali da compagnia, evitando tuttavia di generare allarmi ingiustificati – scrive l’Iss – Vivendo in ambienti a forte circolazione virale a causa della malattia dei loro proprietari, non è inatteso che anche gli animali possano, occasionalmente, contrarre l’infezione. Ma, nei casi osservati, gli animali sono stati incolpevoli “vittime”.

cane_mascherina_shanghai

NON C’E’ EVIDENZA CHE CANI O GATTI DIFFONDANO L’EPIDEMIA

Gli esperti dell’istituto superiore di Sanità ricordano che non esiste “alcuna evidenza che cani o gatti giochino un ruolo nella diffusione epidemica di SARS-CoV-2 che riconosce, invece, nel contagio interumano la via di trasmissione. Tuttavia, la possibilità che gli animali domestici possano contrarre l’infezione pone domande in merito alla gestione sanitaria degli animali di proprietà di pazienti affetti da COVID-19”. “La raccomandazione generale è quella di adottare comportamenti utili a ridurre quanto più possibile l’esposizione degli animali al contagio, evitando, ad esempio, i contatti ravvicinati con il paziente, così come si richiede agli altri membri del nucleo familiare. Gli organismi internazionali che si sono occupati dell’argomento raccomandano di evitare effusioni e di mantenere le misure igieniche di base che andrebbero sempre tenute come il lavaggio delle mani prima e dopo essere stati a contatto con gli animali, con la lettiera o la scodella del cibo”.

  • Dario |

    Ma poi…anche se vogliamo essere qualcosa di diverso, astruso, magnifico, stupefacente, meraviglioso, divino….. poffarbacco fatevene una ragione ! SIAMO ANIMALI ANCHE NOIIIIIIII…….

  • Dario |

    Ugo Idem, ora ora ne ho due, una viscina viscina e l’altra (nera nera) sulle ginocchia e guai guai guai a chi me le tocca…

  • Ugo58 |

    Quindi i gatti posso continuare a dormire con me, come mia abitudine da oltre 40 anni.

  Post Precedente
Post Successivo