Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
corteo_milano2019

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 21-22 dicembre 2019

Per segnalazioni scrivere entro il giovedì precedente al weekend a 24zampe@ilsole24ore.com o a twitter@24zampe

Nell’augurare buone feste ai lettori, 24zampe ricorda che durante questi periodi è sempre meglio verificare l’apertura di una mostra o di un evento prima di andarci.

+++

CORTEO ANIMALISTA, MILANO, SABATO 21 DICEMBRE 2019

Tutelare gli animali considerandoli “esseri senzienti” e non più “beni mobili”, come prevede invece l’attuale ordinamento fin dal 1942. È questo il focus a partire dal quale sabato 21 dicembre, a Milano, prenderà vita il corteo che chiederà la riforma del Codice Civile in chiave animalista. L’appuntamento, promosso da Task Force Animalista (https://facebook.com/events/2213298892334310/?ti=icl) con il supporto co-organizzativo di Animalisti Italiani (Sede Nazionale), Parma Etica e Associazione CA.TE.RI.NA., è fissato per le ore 15 davanti al Palazzo di Giustizia, presso Largo Biagi. Di qui, il corteo si muoverà per le vie cittadine, attraversando punti nevralgici fino a raggiungere la centralissima Piazza Fontana (Piazza Duomo). Gli animali condividono con tutti noi sentimenti, emozioni ed essenziali parentesi di vita, occupando il ruolo di veri e propri membri della famiglia. Eppure, per legge, in Italia sono ancora definiti “beni mobili”, come se fossero semplici oggetti. Scopo della manifestazione è perciò quello di chiedere ad alta voce che venga riconosciuto un diritto fondamentale per tutti gli animali. Il diritto di essere considerati legalmente non più oggetti ma soggetti senzienti , garantendo nel contempo la certezza nonché una maggiore severità della pena in caso di maltrattamento o di uccisione. Prendono parte al corteo milanese Anic (Associazione nazionale ipovedenti e ciechi), Lav – Lega antivivisezione, Oipa – Organizzazione internazionale protezione animali, Enpa – Ente nazionale protezione animale, Lac – Lega per l’abolizione della caccia, Animalisti onlus, Nogez polizia giudiziaria – Nucleo operativo guardie eco zoofile, Gaia Monza e Brianza, Dq’s tribe yoga vegan lifestyle drumming dancing, Associazione freccia 45, Collettivo animalista Aranieuz, Camminiamo insieme onlus, Associazione Z.a.c., Radioveg.it, A.i.d.a.a., Made in Bunny, Taxi per chiamata Pluto, D.i.d.a. – Dipartimento italiano difesa animali e tutela animalisti, Chi mi ha visto, L.o.t.t.a.- Libera organizzazione tutela territorio e animali, Iene vegane la loro voce, Rumba y raices, Anime randagie, Centro sportivo Csen educativo nazionale cinofila, International tree protection commission itpc, Pets education and trainers school – P.e.t.s, A-mici randagi Varese onlus, International animal protection league Italia-onlus, Podenco’s angel rescue, Balzoo – Banco italiano zoologico onlus, Associazione vegetariana Italia, Associazione anime animali Cinisello Balsamo. (Comunicato)

+++

neve_cammelli

BIOPARCO, ROMA, FINO AL 3 GENNAIO 2020

In occasione delle vacanze natalizie, al Bioparco apre il Centro invernale che si svolge dal 23 dicembre al 3 gennaio nelle giornate: lunedì 23, martedì 24 e lunedì 30 dicembre 2019; giovedì 2 e 3 venerdì gennaio 2020. Il centro ricreativo invernale è rivolto ai bambini dai 4 ai 12 anni e si tiene dalle ore 8.30 alle 16.00. Il tema di quest’anno è “animali estremi, un inverno bestiale”: i piccoli partecipanti scopriranno come gli animali dei cinque continenti (come i cammelli, foto sopra) riescano ad adattarsi e sopravvivere in habitat estremi come gli ambienti artici o antartici, come pure la vita nell’oscurità, etc. Sono previste attività ludiche, ricreative e di socializzazione come: laboratori naturalistici itineranti, visite animate del parco, ludoteca, attività  espressivi e manuali. Per informazioni e iscrizioni: Associazione Il Flauto Magico Tel. 06.5816816 – www.ilflautomagico.net

+++

unterthiner

MOSTRA FOTOGRAFIA NATURALISTICA, BARD (AO), FINO AL 2 GIUGNO 2020

La mostra “On Assignment, una vita selvaggia” presenta per la prima volta al pubblico al Forte di Bard, in Valle d’Aosta, da sabato 14 dicembre 2019 al 2 giugno 2020, le immagini dei reportage realizzati dal fotografo Stefano Unterthiner dal 2009 al 2019 su commissione del National Geographic Magazine. Una retrospettiva che vuole invitare il pubblico a scoprire il mondo della fotografia naturalistica provando a raccontare, attraverso la vita e lo sguardo di un grande fotografo, il nostro rapporto con la natura e le altre specie. Sono 77 le immagini esposte, suddivise in dieci storie che mostrano un grande ritratto del mondo animale: dalle fotografie realizzate nel remoto arcipelago di Crozet, a quelle prodotte, sulle tracce del puma, in Cile; dalle suggestive immagini sul cigno selvatico, ai drammatici scatti che documentano il declino del cinopiteco in Indonesia (nella foto sopra). E poi ancora la fauna della Patagonia, i varani di Komodo, il falco grillaio materano… Info qui.

+++

wegman_lugano

MOSTRA FOTOGRAFIA, LUGANO (SVIZZERA), FINO AL 6 GENNAIO 2020

Al museo Museo d’Arte della Svizzera italiana-Masi di Lugano, fino al 6 gennaio 2020, sono esposte le fotografie dei weimaraner di William Wegman, artista americano multidisciplinare ma noto nel panorama artistico mondiale per le immagini con protagonisti i suoi elegantissimi cani. La mostra si intitola “Being human”. “Il fotografo ha fatto degli esemplari di questa razza il soggetto principale dei suoi scatti, rappresentando attraverso loro personaggi, tendenze di moda e movimenti della storia dell’arte con ingegno e ironia”, spiega il museo. Il primo quattrozampe a entrare nell’obiettivo di Wegman è stato Man Ray negli anni Settanta, poi Fay Ray, Penny, Bobbin, Chip, Chundo, Crooky e diverse generazioni di loro cuccioli. Wegman scatta Polaroid di grande formato, istantanee in un unico esemplare, non ritoccate, che esaltano tanto la spontaneità dei soggetti quanto l’abilità del fotografo in assoluta sintonia con i suoi cani. Il percorso espositivo si compone di novanta Polaroid e una decina di stampe ai pigmenti selezionate da William A. Ewing. La mostra a Lugano è la prima tappa europea di un tour mondiale iniziato un anno fa.

+++

19_the-golden-couple-marsel-van-oosten-wildlife-photographer-of-the-year

MOSTRA WPY, MILANO, FINO AL 22 DICEMBRE 2019 – ULTIMO WEEKEND

Tornano a Milano le immagini naturalistiche del Wildlife Photographer of the Year. Fino al 22 dicembre 2019 alla Fondazione Luciana Matalon (in Foro Bonaparte, 67) è possibile vedere gli scatti premiati nelle 19 categorie del premio fotografico più prestigioso al mondo. Organizzato dall’Associazione culturale Radicediunopercento di Roberto Di Leo, l’evento presenta le 100 immagini – selezionate tra le 45mila arrivate alla giuria – premiate alla 54a edizione del concorso di fotografia indetto dal Natural History Museum di Londra. Oltre alla foto vincitrice – del fotografo olandese Marsel van Oosten – The Golden Couple (categoria Animal Portraits, foto sopra), che raffigura due scimmie dal naso dorato nella foresta temperata delle montagne cinesi di Qinling, si possono vedere a Milano un leopardo che si sveglia dal sonno nella Mashatu Game Reserve, nel Botswana (del sedicenne Skye Meaker, Young Wildlife Photographer of the Year 2018: Lounging Leopard), un orso marsicano che di notte attraversa le strade di un paesino del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Crossing paths di Marco Colombo, vincitore Natura urbana), Eye to Eye di Emanuele Biggi, Mister Whiskers di Valter Bernardeschi, Sinuous Moves di Lorenzo Shoubridge tra le altre. Previste serate di approfondimento e presentazione di libri con rinomati fotografi di natura che si terranno di sabato alla Casa della Cultura (alle 21 in via Borgogna 3, sempre a Milano). In programma: il 14 dicembre Lorenzo Shoubridge presenta il libro “Apuane terre selvagge” e il 21 dicembre Stefano Unterthiner racconta il libro On assignment – Una vita selvaggia. Colombo è anche a disposizione per visite guidate alla mostra presso la Fondazione Matalon, ogni venerdì dalle 19.30 (su prenotazione). Aggiornamento: su 24zampe le foto vincitrici della 55esima edizione.

+++

balene_dgt_m_loc

BALENE DIGITALI, MILANO, FINO AL 30 SETTEMBRE 2020

All’Acquario civico di Milano c’è “Digital whales”, un progetto che porta i cetacei nel centro della città. Non si tratta di veri cetacei nelle vasche, naturalmente, ma di un’esperienza multimediale interattiva promossa da Comune, Acquario, Istituto Tethys, Verdeacqua e Fondazione Cariplo che, grazie alla realtà aumentata, vede protagoniste sei specie di mammiferi marini, presentate una ogni due mesi: capodoglio, balenottera comune, stenella striata, globicefalo, megattera, orca. Le prime quattro comuni nel Mediterraneo (e in particolare nel Santuario Pelagos, la vasta area marina protetta per i cetacei compresa tra Liguria, Corsica e Montecarlo), le altre due occasionali nelle nostre acque ma emblematiche degli animali più affascinanti e amati nel mondo. “Tra gli argomenti trattati – spiegano gli organizzatori -, oltre alle caratteristiche delle specie non mancheranno informazioni sulle minacce che oggi incombono su questi animali mettendone a rischio la sopravvivenza, dalla plastica all’inquinamento acustico al traffico marittimo ai cambiamenti climatici, e su cosa ognuno può fare per tutelare i cetacei nel loro (e nostro) ambiente”. Dopo il capodoglio (nella foto sopra), che ha inaugurato la serie di presentazioni, tocca alla balenottera comune (dal 1/12/2019), alla stenella striata e altri delfini (dal 1/2/2020), al globicefalo (dal 1/4/2020), alla megattera (dal 1/6/2020) e infine all’orca, uno degli animali più suggestivi della Terra (dal 1/8/2020). Speciali incontri con i ricercatori dell’Istituto Tethys saranno organizzati ogni due bimestri.