Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
delfini_tursiopi

Toscana, il “mare dei delfini”: nasce area protetta da 3.740 kmq

E’ in dirittura d’arrivo la nascita del nuovo Sito di interesse comunitario (Sic) a mare dedicato ai delfini (Tursiops Truncatus) in Toscana, complessivamente il più grande nel Mediterraneo per la protezione del tursiope. La Giunta regionale ha approvato la delibera che chiude il processo amministrativo e inaugura il “mare dei delfini”, un’area protetta dedicata a questa specie: dopo l’approvazione del Consiglio regionale, che dovrebbe avvenire entro dicembre, il sito sarà ufficialmente istituito.

L’AREA INTERESSATA: DA PIETRASANTA A PIOMBINO ALLE ISOLE

L’iter era stato annunciato a Viareggio lo scorso ottobre nell’ambito del seminario “Toscana: il Sic marino sul tursiope” dando il via al percorso di approvazione da parte della Regione di concerto con la Capitaneria di porto di Viareggio, il Comune di Viareggio, il Parco nazionale dell’Arcipelago toscano, Arpat e Università di Siena. Il Sic a mare proposto riguarda il triangolo che si stende tra i comuni di Pietrasanta e Piombino e si spinge fino a comprendere le isole di Gorgona, Capraia e le Secche della Meloria, per una superficie di oltre 3740 chilometri quadrati, considerando che le due isole e la Meloria, erano già state designate nel 2015.

IL SIC METTE D’ACCORDO I PESCATORI E GLI AMBIENTALISTI

“L’atto nasce da una larga condivisione – ha detto l’assessore toscano all’ambiente Federica Fratoni – frutto di un percorso positivo di concertazione con gli attori locali che ha soddisfatto tutti, dagli enti ai portatori di interessi, e fra questi i pescatori e le associazioni ambientaliste. Sono molto soddisfatta per questo ulteriore passo avanti nella direzione della salvaguardia della biodiversità. Abbiamo messo un altro tassello dell’impegno che la Regione sta portando avanti per la tutela dei cetacei e delle tartarughe marine e più in generale dell’ecosistema marino”.

Giugno 2019 – L’arte di salvare il mare: a Talamone (Gr) sculture subacquee contro le reti illegali