Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cane_tavola2

Vicenza, due euro di coperto per portare il cane al ristorante

Due euro di coperto anche per il cane. E’ la novità che il ristorante La Torre di Albettone (Vicenza) introdurrà a partire da martedì primo gennaio, per parificare la presenza dei clienti a due e quattro zampe. Nel coperto sono compresi la ciotolina per l’acqua e le eventuali operazioni di disinfezione dopo che l’ospite a quattro zampe se ne è andato. “Nessuna discriminazione, gli animali da noi sono sempre stati benvenuti – spiegano Devid, Fabio e Joe Formaggio, titolari del ristorante – semplicemente sempre di più i padroni di cani portano il proprio animale domestico con sé, e questo implica qualche accortezza in più che di fatto rende a tutti gli effetti l’animale un commensale. Di qui la scelta di praticare lo stesso coperto”.

IL TITOLARE: “NON E’ TANTO BELLO AVERE UN CANE A FIANCO MENTRE SI MANGIA”

Il ristorante, gestito da decine di anni dalla famiglia che esprime anche il sindaco del paese Joe Formaggio, è molto frequentato e i titolari non temono polemiche. “Credo – dice uno di loro a una tv privata nel video sotto – che anche i cani che entrano in un ristorante, se accettati, debbano pagare il coperto come lo facciamo noi umani. Anche perchè bisogna pulire, disinfettare e certe volte non è che sia tanto bello avere un cane a fianco mentre si sta mangiando. Nessun razzismo verso i cani ma se dobbiamo farli entrare, pagheranno anche loro”. Se da una parte è facoltà del gestore lasciare fuori i cani da un luogo dove si prepara o somministra cibo, dall’altra l’igiene del luogo pubblico dove si mangia deve sempre essere garantita poichè non è solo la presenza di un animale a poterla compromettere.

“NON E’ IPOTIZZABILE UN ALANO, CHE SBAVA E PUZZA, PIU’ ALTO DEL BIMBO”

“Anche nel corso delle scorse settimane abbiamo dovuto discutere con un paio di clienti che si sono presentati alla nostra porta con cani di grossa taglia – spiega Fabio Formaggio – non è ipotizzabile che chi viene con la famiglia si trovi al fianco un alano più alto del bimbo undicenne, che sbava e puzza di umidità. A questi clienti abbiamo proposto una comoda sistemazione protetta per il loro animale e hanno capito”. Buonsenso a parte, l’iniziativa del ristorante vicentino sembra destinata a far discutere. E non solo perchè questa – leggenda vuole – è terra di “magnagatti”…

  • Antonella P. |

    @Antonella, il buon senso dovrebbe piuttosto guidare le persone a non parlare di chi e/o di cose ahe non conosce. Il mio cane ad esempio si diverte un mondo al ristorante 🙂

  • Corrado |

    Bisognerebbe valutare poi che anche chi è seduto accanto a noi… (e non sotto ad un tavolo), magari neanche si diverte, per mille o più motivi………ma non per questo lo lasciamo a casa……. o forse si?!? Il buon senso è relativo!

  • Corrado |

    E ai bambini o agli adulti che rompono non poco il prossimo (me in primis) piangendo, parlando ad alta voce, frignando e correndo tra i tavoli, a loro fare pagare il doppio di coperto non sarebbe mica una cattiva idea. I cani sono molto più educati e meno fastidiosi di tanti umani.

  • Antonella |

    Ma lasciarli a casa no? Che neppure si divertono costretti a stare sotto il tavolo. È il buon senso che latita………

  • Corrado |

    Brava Maria! Condivido!

  Post Precedente
Post Successivo