Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
FERRARA ? L?erba della città deve essere falciata e costa farlo: a Ferrara la soluzione per risparmiare  è stata trovata in un gregge di 600 pecore diventate tanti piccoli tosaerba  silenziosi ed economici  che hanno trasformato lo scenario di una parte della città a ridosso delle Mura Estensi.  Il gregge di 600 pecore è arrivato in città, oggi nel tratto di sottomura tra via Bacchelli, via Gramicia e un pezzo del Parco Urbano Bassani che diventeranno  pascolo per le  600 pecore. Il gregge proveniente dall'argine del Po stazionava da giorni nella prima periferia della città, ed è arrivato  in città chiamato dagli amministratori, perchè le pecore diventeranno tosaerba economici.

Ferrara, tornano le seicento pecore che per un mese brucano l’erba in città

Torna nei prossimi giorni a Ferrara il gregge di circa seicento pecore del pastore Massimo Freddi che, per circa un mese, pascolerà nell’intero sottomura cittadino per poi ritornare agli alpeggi estivi. Anche quest’anno, infatti, come già nella primavera del 2016, l’Amministrazione comunale di Ferrara ha accolto positivamente la richiesta di permanenza in città avanzata dal pastore. Il gregge proveniente dall’argine del Po ha ottenuto anche quest’anno il nulla osta dell’unità operativa attività veterinarie dell’Usl di Ferrara – finalizzato alla verifica dello stato fitosanitario – richiesto per il pascolo vagante. Nel 2016, qualche problema con le vaccinazioni c’era stato: una volta attraversato il Po, il pastore aveva scoperto che le norme per la brucellosi osservate in Lombardia non valevano per l’Emilia Romagna e i vigili urbani di Bondeno avevano multato le pecore. Altri guai Freddi li ha avuti con uno dei cani pastore legato alla catena, comportamento non ammesso dal regolamento per il benessere animale emiliano. La transumanza del gregge come tutti gli anni è iniziata nel mese di settembre 2016 partendo dalle montagne della Val Trompia per poi proseguire verso il lago di Garda, il fiume Mincio, la sponda veneta del Po e attraversare infine il ponte tra Ficarolo e Stellata.

+++

Noi giornalisti del Sole 24 Ore siamo da venerdì 10 marzo 2017 in sciopero a oltranza per chiedere all’azionista Confindustria una doppia assunzione di responsabilità: la rimozione del direttore e la ricapitalizzazione del gruppo. Per saperne di più cliccare qui e per restare aggiornati collegarsi all’account twitter del cdr del Sole 24 Ore, qui. Il blog 24zampe, essendo curato su base volontaria e trattandosi di un’iniziativa “personale” di Guido Minciotti, è aggiornato. Esiste da due anni e non ho mai saltato un giorno, domeniche, festivi, ferie, giorni di malattia e anche di sciopero. Continuerei così. Grazie dell’attenzione, gm