Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
yulindogs

La Corea del Nord invita a mangiare carne di cani “uccisi a bastonate, è più tenera”

Le autorità nordcoreane hanno lanciato una campagna mediatica per celebrare i “benefici per la salute” collegati al consumo di carne di cane. Lo riferisce il Korea Times, media di Seul. Dallo scorso giugno, scrive il quotidiano, i media nordcoreani hanno pubblicato diverse notizie definendo la carne di cane “la migliore medicina”, attirandosi le critiche della World Dog Alliance, la rete animalista internazionale. La radio di Stato ha organizzato un concorso culinario introducendo piatti a base di carne canina, mentre l’apertura di un ristorante a tema a Pyongyang è stato celebrato dalla tv. Non mancano le indicazioni sui metodi per cucinare, compreso l’invito a bastonare gli animali prima di ucciderli per rendere la carne più tenera, riferisce sempre il Korea Times. Il consumo di carne di cane è diffuso in Asia, dal Vietnam alle due Coree, dalla Cina alle Filippine. “Il dittatore nordcoreano Kim Jong Un prima affama il suo popolo e poi lo invita a mangiarsi carne di cane – commenta Michela Vittoria Brambilla, rappresentante in Italia della Wda -. Da tanto, immenso disprezzo per tutto e tutti traggono alimento due tragedie: quella di milioni di coreani ridotti in completa schiavitù e quella di milioni di cani che, in ossequio alla campagna governativa, saranno sistematicamente braccati, catturati e macellati. Gli spot addirittura suggeriscono di ucciderli a bastonate e di conservarne la pelle. La Corea del Nord è un paese chiuso, perciò non avremo neppure la possibilità di sapere quanti animali perderanno la vita per l’ennesimo, folle espediente di uno dei despoti più crudeli e imprevedibili del pianeta. Che cosa aspettano i governi del mondo libero a far sentire, anche su questo, la loro voce? L’Occidente reagisca”, ha invitato la  Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente. Secondo la Wda, 30 milioni di cani sono uccisi e mangiati ogni anno in Asia, il 70 per cento dei quali sono animali domestici sottratti alle famiglie. Torturare il cane prima della “lavorazione” è un metodo tradizionale consigliato per preservare le presunte proprietà “energetiche” della carne.

  • Susanna De Cecco |

    Fermiamo queste atrocità

  • Marilena |

    No alla macellazione basta rispettiamo queste fantastiche creature ed esiliato il.dittatore a cui riserverei lo stesso trattamento

  Post Precedente
Post Successivo