Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Locandina 10° #BulldogDay

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 21-22 maggio 2016

Per segnalazioni scrivere una mail a 24zampe@ilsole24ore.com

+++

RADUNO BULLDOG INGLESI, MONZA, DOMENICA 22 MAGGIO 2016

Sono simpatici, giocherelloni, paffuti e si ritrovano nei parchi lombardi per raccogliere fondi a favore degli amici e 4 zampe meno fortunati. Sono i bulldog inglesi lombardi del CBIL, il gruppo fondato su Facebook nel 2014 da Matteo Gavioli per riunire tutti gli amanti di questa razza canina della Lombardia e, in futuro, di tutto il Nord Italia, che conta già quasi 400 adesioni. Domenica 22 maggio dalle 15.30 presso le vie del Parco di Monza si terrà infatti il 10º #BulldogDay, un evento organizzato dal Club per passare un pomeriggio in compagnia dei bulldog inglesi arrivati da tutta la regione e da oltre i confini lombardi facendo del bene. Il breve percorso vedrà i “bulli lombardi” sfilare dall’ingresso all’interno dal grande parcheggio di viale Brianza fino alla suggestiva location della Cascina del Sole. Per quest’occasione speciale saranno presenti anche i volontari di ENPA Monza e Brianza, che metteranno a disposizione nella loro postazione i gadget dell’associazione a scopo benefico e del materiale informativo sull’associazione che protegge gli animali a livello locale e nazionale. Ci sarà la possibilità anche di fare una donazione all’EBRI, l’English Bulldog Rescue Italia, che si preoccupa di affidare a nuovi padroncini i bulldog inglesi rimasti senza proprietario. Un’idea del fondatore del CBIL, il Club dei Bulldog Inglesi Lombardi “Bulli della Porada” Matteo Gavioli, che ha scelto di organizzare raduni in tutta la Brianza e, in futuro, in tutta la Lombardia. Prezioso il contributo di Dario Corso e Maria Teresa Gioffrè nell’organizzazione dell’evento, elementi dello staff che fanno parte del Club sin dalla sua fondazione. Sono attese circa 150 persone e oltre 50 esemplari da tutta la Lombardia per una giornata che si annuncia divertente e appassionante per chi ama i cani e in generale gli amici a 4 zampe. Un evento aperto a tutti, grandi e piccini, per passare una giornata all’aria aperta e in compagnia di tanti esemplari di bulldog inglese e appassionati cinofili. (Comunicato)

+++

ESPOSIZIONE CANINA, GENOVA, FINO A DOMENICA 22 MAGGIO 2016

Arriva a Genova il “Liguria Dog Show”, l’esposizione internazionale canina che si tiene dal 20 al 22 maggio alla Fiera di Genova. Il maxi evento vede 3mila cani in passerella e 1800 espositori. Domenica il “Battesimo in acqua”, con istruttori cinofili ed esperti di salvamento nell’area della Marina. Si vota anche il più bel cucciolo d’Europa. Apertura venerdì dalle 14 alle 19, mentre sabato e domenica dalle 10 alle 18. Ingresso gratuito fino a 14 anni. Il biglietto costa 6 euro.

+++

FESTIVAL VEGAN, LUCCA, FINO A DOMENICA 22 MAGGIO 2016

Per i vegani, i vegetariani ed i crudisti appuntamento in piazza Napoleone a Lucca: dal 20 al 22 maggio torna il ‘Lucca Vegan Friends’. Novità assoluta di questa edizione un’area food di oltre 100mq dove sarà possibile gustare cibi e pietanze vegan: dallo street-food, alla rivisitazione di piatti tipici alla scoperta di nuove specialità creative completamente vegetali. Inoltre uno spazio Showcooking dove si alterneranno numerosi chef. Emanuele di Biase porterà il suo vegan dessert,Patrizia Gozzini preparerà un aperitivo estivo vegan, Monica Panozzo presenterà la sua cucina afrodisiaca vegan, e Vincenzo Canoro insegnerà a preparare piatti tipici ma totalmente crudisti. In piazza persone interessate al biologico, alle tematiche ambientali, e persone incuriosite da questa filosofia di pensiero. Il programma della manifestazione è stato presentato questa mattina a Palazzo Orsetti durante una conferenza stampa alla quale sono intervenuti l’assessore al Turismo Giovanni Lemucchi, Marco Ricciardi di EcoEventi, lo chef Vincenzo Canoro, Isabella Faggion di Askoll e il maestro Fabio Bottini di Ecto Musica. Anche quest’anno sarà possibile visitare tanti stand che offrono prodotti gastronomici, cosmetici, artigianali, tecnologici e fashion che sposano i principi della filosofia vegan e cruelty-free. Oltre alla mostra mercato, anche in questa edizione, ci sarà la possibilità di partecipare a numerose conferenze e workshop con ospiti ed esperti del settore.

+++

TEATRO, ROMA, FINO A SABATO 21 MAGGIO 2016

Non c’è luogo più evocativo e simbolico di un ex mattatoio per esorcizzare la preponderanza della cultura della carne, elemento distintivo delle moderne società occidentali, oggi fortunatamente in calo e oggetto di crescenti critiche, motivate da ragioni etiche, ambientali e sanitarie. Dismesso nel 1975, il grande mattatoio di Roma rimane a ricordarci cos’avveniva tra i suoi padiglioni recanti nomi di animali, e che cosa avviene ogni giorno nei macelli di tutto il mondo. Per questo, il 19, 20 e 21 maggio, saranno proprio i locali dell’Ex Mattatoio, nel contesto della manifestazione “Villaggio Bestiale”, c/o il teatro del Villaggio globale, Lungotevere Testaccio 1 a Roma, ad ospitare lo spettacolo “La carne è debole”, monologo di e con Giuseppe Lanino: un’approfondita critica al sistema zootecnico industriale occidentale, che incoraggia alla riflessione sulle conseguenze delle nostre scelte a tavola. Lo spettacolo sarà anche l’evento di apertura di “Villaggio Bestiale – Teatro, Incontri e Sapori All’Ex-Mattatoio”, il primo appuntamento artistico interamente dedicato alla filosofia antispecista e alla scelta di vita vegana, che si svolgerà a Roma dal 19 al 22 maggio 2016. Giovedì 19, in occasione della prima romana de “La carne è debole”, agli spettatori sarà offerto un “dopoteatro vegan” a cura della Lav: un modo concreto e gustoso per scardinare stereotipi e pregiudizi, sperimentando il bello e il buono dell’alimentazione senza crudeltà. La Lav sarà inoltre presente con un proprio tavolo informativo presso gli spazi della Città dell’Altra Economia adiacenti all’ex mattatoio, per tutta la giornata di sabato 21 maggio, in occasione del Think Green Eco Festival. (Comunicato)

+++

CAVIE E CONIGLI, BUCCINASCO (MI), DOMENICA 22 MAGGIO 2016

Domenica 22 maggio 2016, nel bellissimo Parco Spina Azzurra di Buccinasco, appena fuori da Milano, festeggeremo i nostri amici Conigli e le piccole Cavie. Tanti giochi e premi per i piccoli a quattro zampe e non solo… un delizioso buffet e Mondo Carota Shop con i suoi bellissimi gadget. Nel parco i volontari vi faranno conoscere conigli e cavie in cerca di famiglia, e voi potrete portare i vostri piccoli a passeggiare sull’erbetta fresca (munitevi di pettorina per evitare fughe, e ancora meglio di un recinto per i più pigri e paurosi – tutti i conigli partecipanti DEVONO già essere vaccinati). Conigli e cavie potranno partecipare ai vari giochi proposti, ed iscriversi per la gara che vedrà l’elezione degli animali più simpatici. L’ingresso è gratuito e vi aspettiamo dalle 10 alle 18. Indirizzo via Fagnana 18, Buccinasco (MI). Tutto il ricavato sarà prezioso per salvare tanti altri trovatelli, quindi… siate generosi! Per saperne di più, cliccare qui. (Comunicato)

+++

Muybridge_horse

MOSTRA FOTOGRAFICA, MILANO, FINO AL 1° OTTOBRE 2016

E’ dedicata al pioniere della fotografia Eadweard Muybridge (1830-1904) la mostra “Muybridge Recall”, dal 19 maggio al 1° ottobre nella Galleria del Credito Valtellinese di corso Magenta 59 a Milano. Con i suoi studi fotografici sul movimento di animali e uomini, Muybridge alla fine dell’800 svela fondamenti di biodinamica fino ad allora ignoti, arrivando a influenzare la pittura impressionista. Il fotografo inglese in California dimostra inequivocabilmente che un cavallo in corsa si stacca dal terreno quando le zampe si trovano in posizione raccolta sotto il corpo e non, come erronamente pensato (e dipinto e scolpito) fino ad allora, in condizione di massima apertura. Prosegue la carriera riprendendo altri animali, uccelli, persone, tra cui anche disabili, e inventa lo Zoopraxiscopio, per proiettare le sue immagini in sequenza, antesignano del cinema. La mostra, per la prima volta in Italia, è aperta da martedì a sabato con orari 13.30-19.15, ingresso libero, e chiusa domenica e lunedì, nei festivi e dal 2 agosto al 5 settembre. Per saperne di più, cliccare qui, per vedere una selezione delle foto cliccare qui.

+++

STORIE DI UNA BALENA, FIRENZE, DAL 12 MAGGIO 2016

Una balena preistorica circondata da una ricca fauna fossile, testimonianza della comunità marina che si è venuta a creare attorno al cetaceo adagiatosi sul fondale. E’ la sorpresa offerta a partire dal 12 maggio dal Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze con “Storie di una balena”, nuova sala espositiva permanente all’interno della sezione di Geologia e Paleontologia, già ricca di importanti testimonianze fossili della Toscana. Lo scheletro del cetaceo, risalente al Pliocene e lungo 10 metri, è stato rinvenuto nel 2007 presso Orciano Pisano, in un campo coltivato, alla profondità di appena 50 centimetri. La balena, recuperata nella sua connessione anatomica e restaurata dai paleontologi dell’Ateneo, viene esposta insieme ad altri reperti fossili (mammiferi, pesci e invertebrati) che per lungo tempo hanno ricavato risorse energetiche dalla decomposizione della carcassa. “Per la prima volta in Italia sarà possibile osservare – spiegano i curatori Stefano Dominici ed Elisabetta Cioppi – che cosa è successo in tempi geologici nella comunità marina creatasi alla morte della balena. Vogliamo offrire la sensazione di camminare sul fondo del mare dell’antichità, a 100-150 metri di profondità, grazie anche a un allestimento innovativo, coinvolgente e multimediale, curato dall’architetto Lorenzo Greppi”. Il percorso espositivo presenta, fra l’altro, le varie specie che hanno tratto energia vitale dalla carcassa, anelli della catena alimentare dell’ecosistema: squali, granchi, ricci di mare. E, ancora, gli animali vissuti insieme alla balena: delfini, capodogli, foche, razze e altri pesci, tartarughe marine e uccelli.

+++

MOSTRA LIGABUE, PALERMO, FINO AL 31 AGOSTO 2016

La lotta per la sopravvivenza nel mondo animale riflessa nella vita umana e l’amarezza e l’introspezione degli autoritratti raccontate in ottanta opere del pittore Antonio Ligabue, in mostra al Palazzo Reale di Palermo fino al 31 agosto. La mostra propone un excursus storico e critico sull’attualità dell’opera di Ligabue che, seppur incentrata su pochi temi sempre ripetuti e sempre rinnovati, rappresenta ancora oggi una delle punte più interessanti dell’arte del Novecento. La rassegna monografica “Antonio Ligabue (1899-1965). Tormenti e incanti” intende fare conoscere i diversi esiti dell’opera dell’artista, nel corso della sua attività (dagli anni Venti al 1962), declinati nelle diverse tecniche attraverso le quali Ligabue si è espresso. Anche attraverso le scelte di allestimento, l’esposizione permetterà di approfondire e scavare nei nuclei tematici fondamentali dell’artista, per vedere sia come variano nel tempo i suoi centri di interesse sia come si evolve un particolare motivo, e i reciproci transiti dall’uno all’altro. “Due sono i filoni fondamentali – ha detto il curatore Sandro Parmiggiani – cui si è dedicato Ligabue: gli animali esotici, della foresta, e comunque tutti quelli che possono essere definiti predatori; gli autoritratti, un capitolo di dolente, amara poesia. Non mancano tuttavia altri soggetti, quali le scene di vita agreste e gli animali domestici, e alcuni ritratti su commissione”.

+++

SAfrica-Rhino

MOSTRA RINOCERONTI, FIRENZE, FINO AL 16 GIUGNO 2016
Un gigante della natura, uno degli animali simbolo dell’Africa e dell’Asia, il rinoceronte, sta scomparendo. Gli esemplari delle ultime cinque specie ancora viventi nel mondo sono costantemente minacciati dal bracconaggio: il corno di questi giganti – a cui credenze e superstizioni attribuiscono particolari poteri, anche in campo sessuale – è, infatti, oggetto di un traffico mondiale che motiva ancor oggi la caccia dei rinoceronti rimasti e, addirittura, il furto di quelli conservati nei musei. E’ il grido di allarme lanciato dalla mostra «Il corno violato. Il rinoceronte tra estinzione e superstizione», aperta fino al 16 giugno alla Specola, sezione di Zoologia del Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze. L’esposizione, a cura di Paolo Agnelli e Pierluigi Finotello, unisce comunicazione scientifica e realizzazioni artistiche ispirate al tema del rinoceronte, a firma di Cristiana Vitartali e Stefano Bombardieri. Nella mostra, che ha ricevuto il patrocinio di organizzazioni internazionali come Save the Rhino ed European Association for Zoos and Aquaria, si offre anche una ricca documentazione fotografica e video. «Il rischio estinzione dei rinoceronti si presenta come un’emergenza ecologica grave, causata, oltre che dalla caccia indiscriminata, anche da altri fattori, come la perdita dell’habitat, la vulnerabilità ai cambiamenti climatici e alle epidemie. L’iniziativa della mostra realizzata alla Specola – spiega il presidente del Museo di Storia Naturale Guido Chelazzi – vuole sensibilizzare in maniera forte l’opinione pubblica verso l’importanza di un lavoro di tutela e conservazione che non può essere lasciato esclusivamente al ristretto cerchio degli addetti ai lavori. A questo proposito nell’esposizione si informano gli interessati della possibilità di sostenere anche economicamente questo impegno, rimandando alla raccolta online realizzata da Save the Rhino».
+++
MOSTRA PREDATORI MICROCOSMO, FIRENZE, FINO AL 31 MAGGIO 2016
Ragni grandi come una mano, mantidi che riproducono i colori e le forme dei fiori, serpenti simili a foglie e raganelle dalle forme spettacolari sono i piccoli animali protagonisti della mostra “Predatori del microcosmo” fino al 31 maggio 2016 al Museo La Specola di Firenze. L’esposizione è giunta alla settima edizione ed è curata dai naturalisti e fotografi Emanuele Bigi e Francesco Tomasinelli. Sono 16 gli animali vivi di specie differenti, tra insetti, rettili, anfibi, ragni e altri piccoli invertebrati, esposti in terrari dove è stato ricostruito il loro ambiente naturale (nella foto un Ceratophrys). Tra gli altri anche un geco volante e uno scorpione fluorescente. L’esposizione è completata da un’ampia mostra fotografica ed una sezione video. Sono previste anche visite guidate durante l’alimentazione degli animali (su prenotazione).

+++

MOSTRA RAGNI VIVI, GENOVA, FINO AL 5 GIUGNO 2016

L_klugi
A Genova c’è “Spiders”, la più grande mostra di ragni vivi mai allestita in Europa. Al Museo civico di Storia naturale, fino al prossimo 5 giugno, i visitatori possono ammirare all’interno di 60 terrari, che riproducono i loro habitat naturali, cinquanta specie di tarantole, dieci di scorpioni e tre di scolopendre provenienti da tutto il mondo. Ci sono esemplari di Theraphosa Blondi, Theraphosa Stirmi, Brachypelma Albopilosum dall’Honduras oppure la Lasiadora Klugi del Brasile (nella foto) o la Phormictopus Canceridis da Cuba, “per scoprirne l’anatomia, i loro veleni, con un approccio scientifico”, spiega il direttore del museo, Giuliano Doria. Vivono fra i 20 e i 28 gradi e una volta a settimana si cibano di vermi, cavallette e grilli. Gli esemplari più grandi come la Theraphosa mangiano anche piccoli topi vivi. Obiettivo della mostra, avvicinare il pubblico ad animali che da sempre hanno colpito l’immaginario collettivo e di cui molti hanno paura. La figura del ragno, primo animale a colonizzare le terre emerse, si ritrova infatti nelle leggende e nel folklore di tantissimi popoli, seppur con simbologie e valenze opposte e forme culturali diversissime che vanno dal mito di Aracne alla creazione del supereroe Spiderman. Alla mostra genovese sono previste visite guidate interattive durante le quali un operatore specializzato maneggia con cura alcuni esemplari per consentire ai visitatori un’osservazione più ravvicinata.