Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Moda, gli animalisti bloccano l’ingresso delle sfilate AltaRoma

Alcune decine di militanti degli Animalisti Italiani manifestano di fronte ai cancelli della Ex dogana di San Lorenzo a Roma, sede della manifestazione di moda AltaRoma. Gli Animalisti, con le mani sporche di vernice rossa, espongono manifesti contro le pellicce: ‘Roma sia capitale della moda senza pellicce’, oppure ‘Pelliccia: cadaveri sulle spalle’; legati con delle catene si sono disposti di fronte agli ingressi della location sostenendo di voler impedire l’ingresso agli ospiti della manifestazione (nella foto Ansa). Al grido di ‘Vergogna vergogna’ gli Animalisti Italiani stanno inoltre esponendo un cartello con foto raccapriccianti riferibili all’industria della pellicceria: ‘Una pelliccia=80 visoni trucidati’.Un momento della protesta degli animalisti davanti l'Ex Dogana sede delle sfilate di AltaRoma, Roma, 29 gennaio 2016. ANSA/GIORGIO ONORATI
Alcune militanti hanno indossato finte pellicce insanguinate. Al momento alcuni ospiti e partecipanti alla manifestazione stanno provando, senza riuscire, ad entrare alla Ex dogana. Alcune donne, con abiti e acconciature eleganti, che cercavano di passare i cancelli sono state respinte, anche a spintoni, dagli Animalisti che al momento non sembrano intenzionati a rompere il cordone e continuano a scandire slogan all’indirizzo degli ospiti che via via stanno arrivando. “Ma io sono una sarta e non una pellicciaia, e oggi si presenta la Primavera-estate – afferma un’operatrice del settore che ha provato ad entrare – questo per noi è lavoro”.
Anche la stilista Raffaella Curiel è rimasta bloccata questa mattina per diversi minuti dagli animalisti che protestavano davanti l’ingresso di AltaRoma. “Ho avuto paura e ho pianto come una bambina. Ho detto agli animalisti che io faccio lavorare persone che non possono neppure permettersi di comprare una pelliccia”. La stilista milanese è entrata dopo essere stata per circa dieci minuti “trattenuta” dalla protesta. Curiel doveva entrare in anticipo per preparare la sua sfilata, in programma alle 12, che si è poi svolta normalmente così come quella precedente, del marchio ‘L72’. Alla fine, infatti, gli animi si sono placati e la protesta si é conclusa ‘pacificamente’ sotto gli occhi delle forze dell’ordine. Il bello é che le collezioni che sfilano da oggi e nei prossimi giorni sono quelle per la primavera/estate, per cui l’uso delle pellicce non é previsto.