Catanzaro, arrestato il padrone dei cani che uccisero una 20enne

I carabinieri di Soverato (Catanzaro), su richiesta della procura della Repubblica del capoluogo di regione, hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 45enne, titolare di un’azienda zootecnica, per il reato di omicidio colposo. L’episodio mortale risale al 26 agosto 2021 quando nelle campagne di Satriano un branco di cani assalì, sbranandola, una ragazza di 20 anni. Secondo le indagini l’uomo avrebbe abusivamente portato il gregge di ovini e caprini nell’area attrezzata per picnic di Monte Fiorino, lasciandolo pascolare in sua assenza ed omettendo di vigilare sul comportamento aggressivo dei cani. Le indagini dei Ris di Messina hanno confermato che le tracce ematiche su alcuni esemplari catturati sono sovrapponibili a quelle della giovane aggredita così come l’esame autoptico ha provato che lesioni e lacerazioni della giovane sono riconducibili ad un attacco multiplo di animali di specie canina. Il procedimento penale è nella fase delle indagini preliminari. (LaPresse)

Su 24zampe: Il cervello grande ha salvato elefanti e orsi dall’estinzione