Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
randagio2

#AMAMIeBASTA, campagna Anas contro l’abbandono di animali

Abbandono di animali e randagismo non rappresentano solo episodi drammatici per la vita dei fedeli amici a quattro zampe ma anche un concreto pericolo per tutti gli automobilisti ogni anno in viaggio sulle strade italiane. Per questo torna anche quest’anno la campagna di informazione #AMAMIeBASTA firmata LNDC Animal Protection e Anas – Gruppo FS italiane, ancora uniti per contrastare gli incidenti provocati sulle strade dall’abbandono di animali, in forte e tragico aumento nel periodo estivo. In Italia, infatti, si registrano migliaia di incidenti stradali, spesso anche mortali, causati da animali vaganti o randagi ed è bene ricordare a ogni cittadino che chi abbandona un animale non commette solo un reato ai danni dell’animale stesso, ma potrebbe rendersi responsabile anche di omicidio colposo.

anas

CHIAMARE IL NUMERO VERDE DI “PRONTO ANAS” SE SI VEDE UN ANIMALE VAGANTE

La campagna #AMAMIeBASTA invita ogni cittadino che incontri un animale randagio o vagante a fare due fondamentali azioni: la prima metterlo immediatamente in sicurezza, la seconda chiamare subito il numero verde “Pronto Anas” 800841148 e le forze dell’ordine, organi preposti per legge a intervenire. Nel caso in cui si assista direttamente all’abbandono, inoltre, è importante se possibile prendere il numero di targa del veicolo che lascia l’animale, da segnalare alle autorità per facilitare l’identificazione del colpevole. L’abbandono degli animali, in Italia, è punito dal Codice Penale (art. 727 c.p.) con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10mila euro per chiunque abbandona animali domestici. Anas, che gestisce circa 32mila chilometri di rete stradale e autostradale, ha in forza su tutto il territorio nazionale cantonieri che salvano ogni giorno moltissimi cani abbandonati lungo le strade italiane, assicurando non solo la loro sicurezza ma anche quella degli automobilisti in viaggio. (Ansa)