Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Elisabetta Barbieri, 63 anni, la 'staffettista' che portava gli animali abbandonati o non più desiderati alle famiglie che avevano deciso di adottarli, in una foto tratta dal suo profilo Facebook, 07 febbraio 2021. La donna, residente a Rho nel Milanese, e' deceduta nel tamponamento sulla A14 che e' costato la vita a tre persone.
FACEBOOK
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

Lutto tra gli animalisti: due “staffettisti” di cuccioli morti in A14

Due persone sono rimaste uccise in un incidente autostradale in A14, stamattina. Sono animalisti che viaggiavano con 50 cani e nove gatti pronti per essere adottati. Anche un cucciolo di pastore tedesco sarebbe morto e un gatto mancherebbe all’appello. Elisabetta “Betty” Barbieri, 63 anni, era una “staffettista”, nota negli ambienti degli animalisti o dei semplici amanti degli animali: grazie ad un lavoro di rete condotto da associazioni e gruppi, prelevava cani e gatti di tutte le età da rifugi e privati e li portava con un furgone alle famiglie che avevano deciso di adottarli. Tragitti piuttosto lunghi, che di solito andavano dal nord Italia alla Puglia e ritorno. Stamane, durante uno di questi viaggi, Elisabetta (nella foto sopra), due figli grandi e residente a Rho (Milano), è morta in un incidente stradale avvenuto intorno alle 5:30 lungo la carreggiata nord dell’autostrada A14 tra Pesaro e Cattolica. Era a bordo di un furgone, con il suo autista abituale e un volontario al suo primo viaggio, Federico Tonin, 47 anni, detto Chicco (nel tondo della foto sopra e nella foto sotto). C’è stato un tamponamento tra due autotreni, uno dei quali si è intraversato sulla carreggiata, mentre stava sopraggiungendo il furgone, carico di cuccioli di cani (una cinquantina) e gatti (circa 9). Per Betty e Chicco, purtroppo, non c’è stato scampo. Il conducente del furgone e quello di uno dei due camion invece sono stati trasportati all’ospedale Bufalini di Cesena: se la sono cavata con ferite tutto sommato lievi, il primo ne avrà per 30 giorni. Sul luogo i soccorsi del 118, la polizia stradale i vigili del fuoco, il personale del Settimo Tronco di Autostrade. E’ arrivata anche una squadra di volontari e guardie zoofile dell’Enpa di Pesaro: nell’urto le gabbie si erano aperte, alcune gattini erano riusciti ad allontanarsi, un cucciolo di pastore tedesco è morto e alcuni sono rimasti feriti.

b6e3f4ea-faea-402b-9acf-1f25947aa1dd

MOLTE ASSOCIAZIONI, RIFUGI E CANILI HANNO POSTATO UN NASTRO NERO PER LUTTO

“Elisabetta e il suo staff – ha ricordato la presidente dell’Ente nazionale Protezione Animali Carla Rocchi – hanno collaborato con l’Enpa in moltissime occasioni, aiutando le nostre Sezioni. Sono centinaia gli animali che oggi vivono felici nelle loro nuove famiglie anche grazie a lei. Il suo impegno ha fatto la differenza. Ci mancherai Elisabetta. La nostra Associazione ti ricorderà sempre con immensa gratitudine”. Anche dall’Enpa di San Severo, nel Foggiano, dove era considerata di casa, è arrivato un ringraziamento per il suo lavoro. “Grazie per aver dedicato la tua vita a loro” è scritto in un post. Tra le immagini che girano sui social, quella di lei sorridente con due collaboratori e sullo sfondo il suo furgone giallo con impronte nere di zampette. “Non una semplice staffettista – si legge sulla pagina della onlus ‘Randagi per caso’ di Lissone -, ma una volontaria”. E molti, tra associazioni, canili, rifugi, gattili, hanno postato spontaneamente un nastro nero in segno di lutto. Meno noto nell’ambiente, Chicco Tonin, che lascia una compagna e una figlia piccola, originario di Cuggiono, viene ricordato dal Comune di Arconate, in provincia di Monza, dove viveva. “Federico era un uomo solare e pieno di energie. Ci rimarranno nel cuore la sua ironia, la sua vitalità e la grande generosità. La sua morte ci lascia attoniti e sgomenti”. L’ultimo post su facebook di Betty è un messaggio per la giornata nazionale contro il bullismo con una citazione di Isaac Asimov: “la violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci”, quasi un piccolo manifesto per la difesa dei più deboli. I cuccioli hanno trovato riparo in un camion per il trasporto di animali vivi, messo gratuitamente a disposizione dal conducente, poi sono stati affidati ad un altro staffettista, diretti a Bologna e a Rho, dove saranno smistati tra le famiglie adottanti. Ma in serata, sui social, si riconcorrevano ancora messaggi: una gattina bianca e nera, Smilla, allontanatasi dal luogo dell’incidente, mancava all’appello.