Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
telefono_azzurro

Dopo le polemiche Telefono Azzurro ritira video #primaibambini

Ritirato il video delle polemiche. Dopo le reazioni negative Telefono azzurro fa retromarcia e cancella l’infelice spot ideato per la campagna di sensibilizzazione. “Il messaggio non è stato compreso e per questo ritiriamo il video “#primaibambini” realizzato a titolo gratuito in occasione della Giornata Internazionale dell’Infanzia, che “voleva attirare l’attenzione sul tema dei bambini, troppo trascurati in questa emergenza sanitaria”. Nel video-provocazione c’è un enorme incendio in un appartamento ed un uomo entra all’interno dove ci sono un cane e due bambini. L’uomo prende il cane in braccio e lo salva, lasciando lì i bimbi terrorizzati.

telefono_azzurro_2

SODDISFATTI GLI ANIMALISTI

Un messaggio divisivo, “che invece di educare all’amore, all’azione, alla solidarietà, risultava diseducativo e ispirato una retorica antropocentrica” per l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) e “indegno” per 100% Animalisti. Definitive le parole di Ermanno Giudici, presidente di Enpa Milano: uno spot “intriso di meschini luoghi comuni, non solo sugli animali ma anche sui soccorritori”. Il ritiro soddisfa gli animalisti – Lav, Enpa, Lndc, Std e anche altri – che dalla prima ora hanno criticato e segnalato la distorsione della realtà contenuta nella campagna. “Non intendevamo creare – sottolinea Telefono Azzurro – alcuna contrapposizione tra i bambini e le categorie vulnerabili: sarà nostro impegno rimuovere il video, poiché abbiamo compreso che il coinvolgimento del cane ha turbato la sensibilità di molti e di questo ci scusiamo”.

+++
AGGIORNAMENTO DELLE 11.15

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa delle associazioni Lav, Lndc e Save the dogs.

In occasione della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia, la più conosciuta associazione che si occupa di tutela dei bambini, il Telefono Azzurro, ha lanciato una campagna che ha suscitato l’indignazione di migliaia di persone. In uno spot destinato ai social e alle TV si vede un palazzo in fiamme e un soccorritore che, trovandosi di fronte a due bambini e un cane in difficoltà, sceglie di salvare quest’ultimo ignorando i due ragazzini. A sottolineare la scena c’è la scritta “Sembra impossibile? Eppure sta accadendo oggi” e la chiusura con l’hashtag #primaibambini. “È incredibile e inaccettabile che un’associazione che dovrebbe tutelare degli esseri indifesi crei una tale contrapposizione con un’altra categoria di esseri indifesi”, affermano le associazioni LAV, LNDC Animal Protection e Save The Dogs. “Gli Enti del Terzo Settore hanno come denominatore comune l’utilità sociale senza distinzione tra chi è destinatario dell’aiuto offerto, e in questo senso il Telefono Azzurro ha creato una pericolosa discriminazione, peraltro fomentando un atteggiamento livoroso verso chi salva ogni giorno animali da situazioni di maltrattamento o di pericolo, come se questo togliesse qualcosa agli umani.” “Nella stragrande maggioranza dei casi, gli animali familiari sono i più fedeli alleati e i più cari amici dei bambini che vivono con loro e metterli in questa specie di competizione è un messaggio molto sbagliato da dare proprio ai più piccoli che possono trovarsi a vedere lo spot in questione. Quello di Telefono Azzurro è stato un vero e proprio autogoal sia dal punto di vista dell’immagine, viste le migliaia di critiche ricevute sui social, sia da quello educativo perché un messaggio di amore non dovrebbe mai essere divisivo ma inclusivo. Per questo abbiamo presentato istanza all’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria per la rimozione dello spot e abbiamo segnalato la cosa al Garante per l’infanzia e l’adolescenza”, continuano le Associazioni. Nel frattempo, a seguito dei numerosissimi commenti negativi ricevuti, il Telefono Azzurro ha prima cercato di giustificare maldestramente la propria scelta e poi ha finalmente rimosso il video dai social e da YouTube dicendo che il messaggio che volevano mandare era stato frainteso. Resta da appurare se abbia provveduto anche ad annullare i passaggi televisivi che erano stati già programmati.

23 novembre 2020

+++
Su 24zampe: Roma, circo chiede fieno per animali erbivori e carne per le tigri