Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
acciuga_

Acciughe, sogliole, triglie: microplastiche nel 20% dei pesci

Almeno il 20% dei pesci ha ingerito microplastiche. A rilasciare il dato e documentarlo è uno studio condotto nel Mar Adriatico da un insieme di campagne di monitoraggio e indagini svolte nell’ambito del progetto di ricerca “AdriCleanFish”. L’analisi è stata finanziata dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf) nell’ambito del programma Po Feamp 2014/2020 e coordinato dall’Università di Siena in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari Venezia. La finalità del progetto è stata quella di “approfondire il problema dell’impatto dei rifiuti marini nel sistema pesca e comprendere quanto possa gravare sulla filiera produttiva”. Al centro dell’iniziativa i pescatori, che sono stati coinvolti, informati e formati in un percorso che ha portato alla rimozione dei rifiuti in mare ad opera di pescherecci.

TROVATA PLASTICA ANCHE IN NASELLI, SARDINE E SUGARELLI

Il raccolto è stato analizzato dagli scienziati che hanno anche cercato frammenti di plastica nel pescato destinato al consumo umano, in particolare Acciuga, Nasello, Sardina, Sogliola, Sugarello e Triglia di fango. I rifiuti raccolti sono stati conferiti in coordinamento con le municipalizzate locali. “I risultati ottenuti – spiega una nota – evidenziano una concentrazione media di microplastiche in superficie per l’intera area di studio monitorata in linea con i valori medi presenti nel bacino Mediterraneo, confermando come il Mare Nostrum risulti essere uno tra le aree più impattate da microplastiche a livello mondiale”. (Ansa)

Su 24zampe: Toscana, il 35% dei pesci ha ingerito microplastiche. Sardegna ok

Su 24zampe: Nel Mediterraneo troppa plastica nello stomaco degli animali