Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
FILE PHOTO: A dog owner with her dog passes near a flower stand on a weekly market in Berlin, Germany, March 14, 2020.  REUTERS/Annegret Hilse/File Photo

Germania, cani un’ora a passeggio per legge? “Poco realistico”

La nuova legge allo studio in Germania che, se introdotta, obbligherebbe dal 2021 i proprietari di cani a farli uscire due volte al giorno per un’ora è “ben pensata ma non realistica”, come la descrive l’associazione Vdh – German Dog Association. Nel paese si è scatenato un dibattito sulla possibilità che lo stato possa decidere cosa sia meglio per i 9,4 milioni di cani da compagnia oggi residenti. “Gli animali domestici non sono giocattoli ma esseri senzienti con bisogni che devono essere considerati”, ha spiegato la ministra dell’Agricoltura Julia Kloeckner, che propone la legge, aggiungendo che gli animali domestici devono fare esercizio fisico sufficiente e non essere lasciati soli per troppo tempo. Ma non tutti i cani hanno gli stessi bisogni. “Per un labrador giovane e in forma, due ore di camminata vanno bene, per un carlino artritico con problemi di cuore assai meno”, ha scritto il quotidiano Sueddeutsche Zeitung, prendendo forse spunto dall’elenco delle razze più popolari in Germania: i più diffusi nelle case tedesche sono il pastore tedesco e il bassotto – molto diversi tra loro – seguiti da labrador, retriever, jack russell e carlini.

L’ADDESTRATRICE: DIPENDE DALLA SALUTE, DALL’ETA’ E DALLA RAZZA

Tra i commenti alla proposta di legge si segnala quello del quotidiano popolare Bild – “Passeggiate obbligatorie per proprietari di cani? Spazzatura!” – mentre l’addestratrice di cani Anja Striegel ha (ragionevolmente) detto che la quantità di esercizio di cui ha bisogno un cane dipende dalla salute, dall’età e dalla razza del cane. Tra le altre misure del nuovo regolamento per il benessere degli animali il divieto di tenerli alla catena e limiti al trasporto di cucciolate. Infine, ci sono critiche anche alla questione dell’applicazione: per il ministero i 16 stati federali saranno responsabili dell’applicazione della regola, ma non è chiaro come. In Italia la proposta tedesca è stata generalmente ben accolta dagli animalisti. Per Gianluca Felicetti di Lav chi vuole vivere con un cane è giusto abbia delle responsabilità, per Michela Vittoria Brambilla di Leidaa “la legge chiarisce che ogni animale ha caratteristiche etologiche che vanno rispettate”.