Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
volpe_molise

Molise, paesino adotta la volpe che va al bar: “Una ricchezza”

Una volpe scende ogni notte dalla montagna di Miranda, provincia di Isernia in Molise, e raggiunge la piazza principale del paese dove aspetta che qualcuno le porti qualcosa da mangiare. L’animale selvatico è stato praticamente adottato dal paese diventando anche l’attrazione principale, è presente infatti in ogni selfie di bambini e soprattutto di adulti. I primi a notare la volpe erano stati gli avventori dei bar di Piazza Fontana con cui ha familiarizzato tanto da avvicinarsi per ricevere il cibo. Poi la voce si è diffusa e ora molti mirandesi attendono la mezzanotte in piazza per vederla aggirarsi anche tra tavolini e sedie. “Tutti gli animali domestici all’inizio erano selvatici, questi incontri ci sono sempre stati, non sono una novità. Quello che va sottolineato è che questi avvistamenti sono un buon segnale di potenzialità turistica, pur con tutti i limiti del caso”, commenta il professor Andrea Sciarretta, zoologo agrario dell’Università del Molise.

PER LO ZOOLOGO E’ UN’IMMAGINE POSITIVA PER IL TERRITORIO

La volpe è un animale simpatico e ben visto, fa parte della mitologia delle fiabe, eppure “non sempre è stato così – riprende Sciarretta -, ha sempre vissuto nelle periferie dell’agricoltura, e pur essendo un carnivoro non è mai stato un vero competitor dell’uomo, come il lupo. Ma ciò che è importante è che “queste notizie di avvistamenti generano una certa ‘ricchezza’, di immagine positiva, vantaggiosa, per i parchi e per un certo turismo che non potrà mai essere di massa, come quello naturalistico, per gente di città che vuole confrontarsi con la natura. Il Molise per questo, specie nella parte del Parco Nazionale, è una miniera tutta da sfruttare. Gli avvistamenti di orsi o di cervi a Villetta Barrea, sono una grande propaganda”. Un’altra conferma di quanto scritto nel 2019 su 24zampe, quando il sindaco di Petrella Tifernina definì anche i lupi intorno al paese “una risorsa naturale”.