Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Tony  Wu    (USA)  Dozzine  di  capodogli  si  stavano  riunendo  fragorosamente    lontano  dalla  costa,  fino  a  dove  poteva  arrivare  lo  sguardo  di  Tony.    Immediatamente  realizzò  che  si  trattava  di  un  momento  speciale,    come  un  raduno  di  vari  clan,  che  durava  per  alcuni  giorni.  Per  Tony    questo  avvistamento  potrebbe  essere  “un  segnale  che  le  popolazioni    di  capodogli  si  stanno  riprendendo”.  L’  aspetto  simile  al  marmo  di  queste  balene  è  determinato  dal    cambiamento  della  pelle.  Durante  grandi  raduni  come  questo  gli    esemplari    si  strofinano  e  si  rotolano  l’uno  con  l’altro,    per  esfoliare    la    pelle  morta  del  vicino,  aiutando  così  a  mantenere  le  migliori    performance  idrodinamiche.    Il  contatto  fisico,  inoltre,  aiuta  a    rinsaldare  i  legami  sociali.

Allarme per il morbillo dei cetacei, si teme un “salto di specie”

Un virus, che potrebbe rispondere al ‘salto di specie’ come il Sars-CoV-2, entra tra le principali minacce alla sopravvivenza dei cetacei, di specie come il capodoglio (già considerato in pericolo di estinzione). Questo in sintesi il contenuto di un nuovo rapporto di Greenpeace sulle principali cause di spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane commissionato ai veterinari del dipartimento di biomedicina comparata e alimentazione dell’università di Padova, e lanciato ieri nella Giornata mondiale per la conservazione della natura. Il virus tra l’altro, che è quello del morbillo dei cetacei, “preoccupa i veterinari”, soprattutto perché “associato ad altri stress ambientali”; inoltre l’allarme è legato alla verifica per questo virus, dell’effetto “spillover, ovvero il ‘salto di specie’, arrivando fino a specie anche lontane come lontre di fiume e foche”. Dopo gravi epidemie di stenelle tra il 1990 e il 2008, il morbillo dei cetacei sembra adesso riemergere tra diverse specie di cetacei. Cinque dei sei capodogli (foto sopra) analizzati spiaggiati nell’estate 2019 sono risultati positivi al virus.

ANCORA NON OPERATIVA LA RETE NAZIONALE DI RACCOLTA DATI

“In Italia lo sforzo degli Istituti zooprofilattici sperimentali e degli enti di ricerca per raccogliere dati – dichiara Sandro Mazzariol dell’università di Padova – è enorme ma la rete nazionale istituita nel 2015 va resa operativa al più presto in modo da garantire una raccolta dati omogenea”. “Non possiamo permettere che attività illegali e il degrado ambientale causato dall’uomo, a partire dall’inquinamento da plastica – osserva Giorgia Monti, campagna Mare di Greenpeace – facciano scomparire questi animali dai nostri mari. La vulnerabilità dei cetacei a un virus dipende anche dallo stress causato da un ambiente malato, l’uomo è quindi complice di questa epidemia”. Greenpeace e Istituto Tethys hanno inviato una lettera alla ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova per chiedere maggiori controlli e sanzioni per fermare l’uso delle spadare. (Ansa, foto Tony Wu: i capodogli si strofinano e si rotolano l’uno con l’altro, per esfoliare la pelle morta del vicino, aiutando così a mantenere le migliori performance idrodinamiche. Il contatto fisico, inoltre, aiuta a rinsaldare i legami sociali)

Su 24zampe: Salmonella, morbillo, herpes: come e perchè le malattie “umane” attaccano anche i delfini