Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
gatti_siberiani

Agenda animale, gli appuntamenti del weekend del 16-17 novembre 2019

Per segnalazioni scrivere entro il giovedì precedente al weekend a 24zampe@ilsole24ore.com o a twitter@24zampe

+++

EXPO FELINA, ROMA, SABATO 16 E DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

Torna alla Fiera di Roma Supercat show: l’edizione 2019 prevede due giorni di mostre, concorsi di bellezza, attività informative, shopping, spettacoli e giochi interattivi all’insegna dello slogan “mi-ci porti?”. Nel weekend spazi d’incontro con gli operatori del settore, gli esperti e gli appassionati provenienti da tutto il mondo, l’occasione giusta per ottenere suggerimenti utili da parte di educatori di animali e veterinari. “L’evento più importante in Italia nell’ambito del mondo felino e uno dei più importanti al mondo”, scrivono gli organizzatori, che declamano i 100mila visitatori degli ultimi 3 anni, gli 11mila mq di esposizione e gli 800 gatti in concorso. Persiani, esotici, siberiani (foto sopra), kurial bobtail delle isole russe, kuril, abissini e mainecoon ma anche seychellois, una nuova razza siamese bicolore, i nudi peterbold e i don sphinx, certosini, blu di russia, i norvegesi delle foreste, i turchi van, i bengal. In giuria 10 tra i più importanti giudici internazionali selezionati dall’Associazione Nazionale Felina Italiana (ANFI). Info qui.

+++

mostra-capra-casargo

CAPRA OROBICA, CASARGO (LC), SABATO 16 E DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

Sabato 16 e domenica 17 novembre, torna a Casargo, nel lecchese, il tradizionale appuntamento con la “Mostra Regionale della Capra Orobica”, giunta alla 29esima edizione e inserita nel calendario di iniziative di “Valsassina: la valle dei formaggi”. Si preannunciano due giornate ricche di eventi, tra cui la sfilata e la valutazione dei capi, la graduatoria e la proclamazione dei vincitori scelti dalla giuria. Completano il programma i laboratori per i bambini, la fattoria didattica, il servizio di ristorazione e la tradizionale fiera con prodotti tipici del territorio. Protagonista indiscussa è la Capra Orobica, una razza molto particolare, come sottolinea Antonella Invernizzi, presidente del Centro Zootecnico della Valsassina e Montagna Lecchese che è fra gli organizzatori della manifestazione: «Si tratta di una razza di capre con un albero genealogico in Italia che è presidio Slow food. Aspetti che fanno cogliere l’importanza di salvaguardare questo animale e che, di anno in anno, invogliano a organizzare una mostra a loro dedicata. Sono tanti gli allevatori, soprattutto hobbisti, che si dedicano all’animale dalle belle corna e dal pelo lungo con molti sacrifici. Grazie a loro c’è la possibilità di salvare una razza in via di estinzione e mantenere i pascoli montani più impervi». (Comunicato)

+++

pet-word-calendario-eventi

PET WORD, MODICA (RG), VENERDI’ 15 NOVEMBRE 2019

Venerdì 15 novembre alle ore 18 nel pet store Tecnonatura di Piazzale Bruno, a Modica in provincia di Ragusa, il veterinario Luca Caliò, direttore sanitario della Clinica Valle dell’Ippari, parlerà di come prendersi cura del cucciolo di gatto, nell’ambito del ciclo di incontri “Pet word”, pensato appositamente per chi vuole adottare un cucciolo ma anche per quei proprietari che desiderano vivere in modo più consapevole la loro relazione con gli animali domestici. L’evento è gratuito, ma è obbligatorio prenotare telefonando allo 0932762750 perché i posti sono in numero limitato. Anche gli amici a quattro zampe saranno benvenuti. Nel suo intervento il veterinario illustrerà le prime fasi di vita dei gattini e le migliori modalità di interazione dell’uomo con i cuccioli, con un approccio squisitamente divulgativo, aperto alle domande e alle curiosità del pubblico. Al termine dell’incontro, a tutti i partecipanti sarà offerto un simpatico omaggio. Il calendario completo di “Pet Word” prevede altri cinque incontri. (Comunicato)

+++

wegman_lugano

MOSTRA FOTOGRAFIA, LUGANO (SVIZZERA), FINO AL 6 GENNAIO 2020

Al museo Museo d’Arte della Svizzera italiana-Masi di Lugano, fino al 6 gennaio 2020, sono esposte le fotografie dei weimaraner di William Wegman, artista americano multidisciplinare ma noto nel panorama artistico mondiale per le immagini con protagonisti i suoi elegantissimi cani. La mostra si intitola “Being human”. “Il fotografo ha fatto degli esemplari di questa razza il soggetto principale dei suoi scatti, rappresentando attraverso loro personaggi, tendenze di moda e movimenti della storia dell’arte con ingegno e ironia”, spiega il museo. Il primo quattrozampe a entrare nell’obiettivo di Wegman è stato Man Ray negli anni Settanta, poi Fay Ray, Penny, Bobbin, Chip, Chundo, Crooky e diverse generazioni di loro cuccioli. Wegman scatta Polaroid di grande formato, istantanee in un unico esemplare, non ritoccate, che esaltano tanto la spontaneità dei soggetti quanto l’abilità del fotografo in assoluta sintonia con i suoi cani. Il percorso espositivo si compone di novanta Polaroid e una decina di stampe ai pigmenti selezionate da William A. Ewing. La mostra a Lugano è la prima tappa europea di un tour mondiale iniziato un anno fa.

+++

19_the-golden-couple-marsel-van-oosten-wildlife-photographer-of-the-year

MOSTRA WPY, MILANO, FINO AL 22 DICEMBRE 2019

Tornano a Milano le immagini naturalistiche del Wildlife Photographer of the Year. Fino al 22 dicembre 2019 alla Fondazione Luciana Matalon (in Foro Bonaparte, 67) è possibile vedere gli scatti premiati nelle 19 categorie del premio fotografico più prestigioso al mondo. Organizzato dall’Associazione culturale Radicediunopercento di Roberto Di Leo, l’evento presenta le 100 immagini – selezionate tra le 45mila arrivate alla giuria – premiate alla 54a edizione del concorso di fotografia indetto dal Natural History Museum di Londra. Oltre alla foto vincitrice – del fotografo olandese Marsel van Oosten – The Golden Couple (categoria Animal Portraits, foto sopra), che raffigura due scimmie dal naso dorato nella foresta temperata delle montagne cinesi di Qinling, si possono vedere a Milano un leopardo che si sveglia dal sonno nella Mashatu Game Reserve, nel Botswana (del sedicenne Skye Meaker, Young Wildlife Photographer of the Year 2018: Lounging Leopard), un orso marsicano che di notte attraversa le strade di un paesino del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Crossing paths di Marco Colombo, vincitore Natura urbana), Eye to Eye di Emanuele Biggi, Mister Whiskers di Valter Bernardeschi, Sinuous Moves di Lorenzo Shoubridge tra le altre. Previste serate di approfondimento e presentazione di libri con rinomati fotografi di natura che si terranno di sabato alla Casa della Cultura (alle 21 in via Borgogna 3, sempre a Milano). In programma: il 23 novembre Marco Urso, con tema I felini africani – Differenze, curiosità di comportamento, pericoli per il futuro, il 30 novembre Marco Colombo, con Paesaggi bestiali, il 14 dicembre Lorenzo Shoubridge presenta il libro Apuane terre selvagge e il 21 dicembre Stefano Unterthiner racconta il libro On assignment – Una vita selvaggia. Colombo è anche a disposizione per visite guidate alla mostra presso la Fondazione Matalon, ogni venerdì dalle 19.30 (su prenotazione). Aggiornamento: su 24zampe le foto vincitrici della 55esima edizione.

+++

balene_dgt_m_loc

BALENE DIGITALI, MILANO, FINO AL 30 SETTEMBRE 2020

All’Acquario civico di Milano c’è “Digital whales”, un progetto che porta i cetacei nel centro della città. Non si tratta di veri cetacei nelle vasche, naturalmente, ma di un’esperienza multimediale interattiva promossa da Comune, Acquario, Istituto Tethys, Verdeacqua e Fondazione Cariplo che, grazie alla realtà aumentata, vede protagoniste sei specie di mammiferi marini, presentate una ogni due mesi: capodoglio, balenottera comune, stenella striata, globicefalo, megattera, orca. Le prime quattro comuni nel Mediterraneo (e in particolare nel Santuario Pelagos, la vasta area marina protetta per i cetacei compresa tra Liguria, Corsica e Montecarlo), le altre due occasionali nelle nostre acque ma emblematiche degli animali più affascinanti e amati nel mondo. “Tra gli argomenti trattati – spiegano gli organizzatori -, oltre alle caratteristiche delle specie non mancheranno informazioni sulle minacce che oggi incombono su questi animali mettendone a rischio la sopravvivenza, dalla plastica all’inquinamento acustico al traffico marittimo ai cambiamenti climatici, e su cosa ognuno può fare per tutelare i cetacei nel loro (e nostro) ambiente”. Dopo il capodoglio (nella foto sopra), che ha inaugurato la serie di presentazioni, tocca alla balenottera comune (dal 1/12/2019), alla stenella striata e altri delfini (dal 1/2/2020), al globicefalo (dal 1/4/2020), alla megattera (dal 1/6/2020) e infine all’orca, uno degli animali più suggestivi della Terra (dal 1/8/2020). Speciali incontri con i ricercatori dell’Istituto Tethys saranno organizzati ogni due bimestri.