Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
capriolo_px

Pistoia, autostrada A11 chiusa per cattura (incruenta) di caprioli

AGGIORNAMENTO DEL 10 NOVEMBRE 2016 – CATTURATI 16 CAPRIOLI

E’ di 16 caprioli catturati il bilancio dell’intervento di ‘bonifica’ di animali selvatici, in particolare ungulati, che stamani ha comportato la chiusura di un tratto di circa 25 km sull’autostrada A11 Firenze-Pisa Nord tra Prato Ovest e Montecatini Terme (Pistoia). Gli animali sono stati catturati nell’area a fianco del casello autostradale di Pistoia e sono stati successivamente liberati sulle colline pistoiesi. L’operazione – nelle foto Ansa alcuni momenti – è durata circa un’ora e 20 minuti, l’autostrada A11 è rimasta chiusa dalle 6 fino a poco dopo le 9, in largo anticipo rispetto al previsto perché la riapertura del tratto autostradale era inizialmente fissata per le 12. Gli animali sono stati catturati con delle reti, quindi sono stati bendati e poi collocati in appositi contenitori chiusi. Tutte le operazioni si sono svolte alla presenza di personale dell’Asl e di veterinari. Ai caprioli catturati sono stati apposti dei bollini identificativi, poi sono stati caricati su due camion dell’Asl Toscana Centro e del Comune di Pistoia che li hanno trasportati nell’area protetta dell’Acquerino, nel Pistoiese, dove sono stati liberati.

caprioli_dfa3fa927285a68584bf8a3249044f89

caprioli_92543baaa589980f5b6f73a06b5fe4d4

caprioli_239b742f537b81ee74fbbc66609f4d65

 

caprioli_9ea6db3d4b2fa4134ca7945351a20238

+++

AGGIORNAMENTO DEL 9 NOVEMBRE 2019 – AUTOSTRADA A11 DOMENICA CHIUSA 6-12

Per procedere alla cattura di animali selvatici – caprioli e cinghiali – domenica 10 novembre l’autostrada A11 Firenze-Pisa Nord verrà chiusa dalle 6 alle 12 per circa 25 km, tra Prato Ovest e Montecatini Terme, in provincia di Pistoia.

+++

POST DELL’8 NOVEMBRE 2019

La Toscana non è più “rossa… di sangue”. Domenica 10 novembre la Regione ha organizzato un’operazione di cattura “senza armi” di fauna selvatica pericolosa per la sicurezza stradale. Un approccio assai lontano da quello del piano triennale di abbattimenti per 250 mila fra cinghiali e caprioli che si studiava nel 2016, nel bel mezzo di un'”emergenza ungulati”. Anche questa volta l’intervento è programmato “a Pistoia, in una zona intensamente abitata vicina all’Ospedale San Jacopo, al casello autostradale e alla tangenziale cittadina, dove la presenza di animali risulta molto consistente”. Ma “i caprioli saranno catturati esclusivamente tramite reti – spiega la Regione Toscana -, alla presenza di personale professionista e di medici veterinari ed è esclusa la presenza di cacciatori. I capi saranno poi liberati in aree montane a divieto di caccia del comprensorio limitrofo”.

INTERVENTO AUTORIZZATO DALLE REGIONE E CON L’OK DELL’ISPRA “SENZA ARMI NE’ CACCIATORI”

“L’operazione – sottolinea infatti la Regione – sarà effettuata senza l’utilizzo di armi e senza prevedere alcun abbattimento dei capi, ma solo il loro trasferimento. Un intervento autorizzato dalla Regione, con parere favorevole dell’Ispra (l’Istituto  ministeriale per la protezione e ricerca ambientale), su richiesta della Prefettura, e verrà attuato sotto il coordinamento della Questura e della Polizia Provinciale di Pistoia”. “Al fine di garantire ulteriore sicurezza per le persone, la Prefettura ha disposto la chiusura al traffico dell’autostrada A11 dal casello di Montecatini a quello di Prato Ovest, e della tangenziale dall’incrocio con via Ciliegiole alla rotonda della Vergine per la durata dell’operazione di cattura”.