Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cane_malato

C’è un nuovo candidato farmaco per curare la Leishmaniosi

AGGIORNAMENTO DEL 9 GENNAIO 2020 – DUE ANNI ANCORA PER AVERE IL FARMACO

Molti lettori del blog che hanno cani malati di Leishmania scrivono a 24zampe per avere notizie sul candidato farmaco NMT-A02. Abbiamo chiesto alla professoressa Maria Paola Costi del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore) una previsione sui tempi per vederlo sul banco della farmacia. “Stiamo procedendo seguendo tutti gli step necessari per arrivare alla registrazione del farmaco. Il percorso non è brevissimo. Potrei attestarmi sui 2 anni di tempo circa. Questo mi auguro”, ha scritto Costi a 24zampe. “Anche io ricevo mail costantemente – ha ammesso poi la professoressa di Chimica Farmaceutica -. Ormai sono convinta che questo sia un problema più o meno sommerso piuttosto sentito, visto il coinvolgimento emotivo che spesso riscontro. Non ne sono sorpresa, ma ciò che mi sorprende è la numerosità”. Non resta che aspettare.

+++

POST DEL 26 SETTEMBRE 2019

C’è un nuovo candidato farmaco per la cura della Leishmaniosi, infezione che interessa due milioni e mezzo di cani in Europa e che può colpire anche l’uomo. A svilupparlo è stata una rete internazionale di ricercatori di nove Paesi, coordinata dalla professoressa Maria Paola Costi del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore). Il candidato farmaco, NMT-A02, si è rivelato efficace contro la Leishmaniosi nei cani su cui è stato sperimentato: ha minore tossicità e i cani non hanno più i segni clinici dell’infezione. Una scoperta, sottolineano i ricercatori, che apre nuove prospettive di cura sia per gli animali che per l’uomo. Il risultato è frutto del progetto “New Medicines for Trypanosomatidic infections” finanziato dalla Commissione europea nel periodo 2013-2017 con un contributo di quasi sei milioni di euro. Nei giorni scorsi è stata terminata la fase preclinica.

PER DEBELLARE L’INFEZIONE UMANA OCCORRE RISOLVERE QUELLA CANINA

Durante il 2018 e 2019, è stato svolto il follow-up durante il quale i cani sono stati sottoposti regolarmente a esami ematologici e immunologici. Oggi, due anni dopo il trattamento iniziale, i cani del trial sono in buone condizioni fisiche, non hanno più manifestato la malattia a differenza dei cani trattati con il Milteforan, il farmaco attualmente usato. “Il cane – spiega la professoressa Costi – rappresenta una riserva della malattia e per debellare l’infezione umana occorre risolvere quella canina”. Oggi “siamo in grado di proporre un farmaco per la cura della Leishmaniosi canina in tempi relativamente brevi. Alternativamente, per uso umano, in tempi più lunghi”. Lo sviluppo del farmaco richiede ora l’intervento di investitori e la collaborazione di pmi o industrie farmaceutiche per lo studio regolatorio necessario per la registrazione. (Ansa)