Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
uccello_palloncini

Palloncini vietati in Usa: pericolosi per uccelli marini e tartarughe

Non solo cannucce e sacchetti: nella lotta alla plastica e al cambiamento climatico diversi stati e città americane vietano anche i palloncini gonfiati con elio che, quando liberati, rischiano di finire in mare e inquinare come gli oggetti plastici più tradizionali. I palloncini, secondo la National Oceanic and Atmopheric Administration, sono pericolosi per gli uccelli marini, le tartarughe e i mammiferi marini (foto sopra e sotto). Gli animali possono scambiarli per meduse, ingerirli e ostruirsi così l’intestino: secondo la Sea Turtle Foundation, anche i palloncini biodegradabili sono pericolosi perchè possono impiegare anche sei mesi per decomporsi.

tartaruga_palloncino

Questo tipo di inquinamento è sotto crescente osservazione e gli ambientalisti, con le loro pressioni, sono riusciti a convincere cinque stati americani e una decina di città a imporre qualche sorta di divieto, alcuni con una multa fino a 250 dollari. Un rischio che gli Usa dovrebbero avere imparato a prevenire nel 1986 quando a Cleveland, nel tentativo di battere il record di lancio di palloncini, ne furono lanciati un milione e mezzo che causarono una lunga serie di disastri e anche – seppur indirettamente – due morti.

palloncini_uccello_noaa

  • Dario |

    A(ltro stupidario tutto umano,.
    A che servono sti palloncini per aria? Sono dannosi quanto é più della plastica dei nostri bene amati contenitori. Ma certo sono espressione del nostro ipocrita narcisismo, egoismo, stupidismo nei confronti del nostro pianeta. Irresistibile festeggiare con delle palle in aria funerali, matrimoni, battesimi e via discorrendo. Sarebbe più giusto volassero in aria le teste d’uovo che le usano,. Ma non solo che dire delle lanterne e i fuochi d’artificio che fanno danni a iosa?
    Insomma guerra alla plastica ma anche guerra alla stupidità dei nostri simili sempre pronti a imbrattare tutto ciò che toccano.
    Speriamo che il Min. Costa legga il blog e vieti queste pratiche distruttive.

  Post Precedente
Post Successivo