Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Una femmina di zanzara intenta a suggere sangue da un braccio umano. Un gruppo di scienziati britannici avrebbe scoperto che cosa spinge le zanzare a trovare certe persone piu' appetibili di altre. Secondo gli studiosi del Rothamsted Research Centre, alcune persone producono odori che spingono le zanzare a pungere, mentre chi normalmente non viene punto produce un altro tipo di odori in grado di mascherare quelli che gli insetti trovano piu' 'invitanti'.  Questi repellenti naturali, secondo il consiglio nazionealedella ricerca biotecnologica e biologica, potrebbero essere utilizzati nella produzione di prodotti in grado di proteggere chiunque dalle fastidiose punture. A differenza di quelli attualmente in commercio, i nuovi repellenti sarebbero completamente inodori.                    ANSA / ANDREA LIBERTO

Zanzare, allerta negli Usa: il virus “EEE” è letale nel 30% dei casi

Aumentano i timori per l”encefalite equina orientale’ (EEE) portata dalle zanzare in tre Stati Usa: dopo la morte di una donna in Massachusetts a causa del morbo trasmesso dal virus, le autorità hanno ora messo in guardia anche gli abitanti di Michigan e del New Jersey. Dove sono apparsi altri contagi. In circa il 30% dei casi – spiegano i Cdc – la EEE risulta letale in quanto le complicazioni possono portare edemi cerebrali incontrollabili, dolori, epilessia, insufficienza respiratoria, coma. In molti altri i danni alla salute sono di lungo termine. In particolare, in alcune zone appunto di Massachusetts, New Jersey e Michigan, i responsabili sanitari hanno suggerito alla popolazione di non uscire al tramonto e all’alba, quando le zanzare sono più attive. E di coprirsi in ogni caso di spray anti insetti, sia il corpo che i vestiti. Una giovane contagiata sta lottando tra la vita e la morte in Michigan. Il virus EEE è stato anche riscontrato in animali in Florida e nello Stato di New York. La stagione 2019, anche senza un conto chiaro delle infezioni EEE – dicono le autorità – è più intensa del solito, quando al massimo si registrano 5-6 casi l’anno. (Ansa)