Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
vacca_1

175 milioni di hamburger da una sola vacca (invece di 440mila)

Produrre 175 milioni di hamburger dalle cellule di una sola vacca, invece di allevarne e macellarne 440mila. E’ la scommessa di Mosa Meat, start-up dell’Università di Maastricht in Olanda, nata dal progetto di ricerca che nel 2013 ha portato il team del professor Mark Post a presentare al pubblico il primo hamburger creato in laboratorio, da coltura cellulare. Mosa Meat ha raccolto investimenti per 7,5 milioni di euro e punta a portare sul mercato i primi prodotti nel 2021. Ma “non si può parlare di date certe – racconta la direttrice operativa di Mosa Meat, Sarah Lucas – ci sono alcune incognite a livello scientifico e i tempi per l’autorizzazione per l’immissione in commercio non dipendono solo da noi”. Il contesto è quello di un consumo globale di carni bovine destinato quasi a raddoppiare dal 2010 al 2050 (+88%, secondo il
World Resource Institute) e “l’allevamento tradizionale non può coprire tutto l’aumento della domanda – spiega Lucas -. Produrre carne dalle cellule è molto più efficiente di allevare un animale per mangiarne una piccola porzione e scartare il resto”.

ANCHE L’ALLEVAMENTO TRADIZIONALE INVESTE NEL FUTURO

Le organizzazioni degli agricoltori e delle cooperative agroalimentari Ue Copa & Cogeca non si danno però per vinte: “Il settore agricolo europeo – spiegano – ha ridotto le emissioni di gas serra del 20% negli ultimi 25 anni e sta investendo per ridurle ancora di più, si lavora a nuove razze, alla modifica dei mangimi per ridurre le emissioni dei bovini e alla sostituzione dei fertilizzanti sintetici con quelli organici”. Ci sono ancora grandi domande in sospeso per il “novel food”: finora non è chiaro quanta energia ci voglia per fare carne in coltura e le questioni etiche – nel processo si utilizza siero di feto bovino – sono ingombranti per una società che dichiara di voler aumentare il benessere animale. Per quanto attiene ai costi di produzione, realizzare il primo hamburger Mosa Meat è costato oltre 300mila euro mentre secondo alcune stime oggi il prezzo è arrivato a circa 20 euro al chilo.

  • Guido Minciotti |

    Grazie del suo commento. Ho, ovviamente, fatto lo stesso calcolo quando ho preparato il post. Non sono un esperto nè un macellaio ma mi è sembrato plausibile se si considerano solo quei chili di prodotto normalmente destinati alla produzione di hamburger (cioè escludendo tutti i tagli “pregiati”). Che ne pensa? Grazie di leggere 24zampe saluti gm

  • Luigi |

    Quindi secondo questo articolo oggi con una mucca, del peso di circa 800 kg, si fanno solo 397 hamburger…. Considerando che la carne netta sono 400 kg ad animale chi ha scritto l articolo mangia hamburger di 1 kg di carne ciascuno….

  • Laila negrini |

    L’argomento È ATTUALISSIMO

  • Paperino |

    Esistono alternative al siero animale, non riescono ad andare in quella direzione? E le incognite a livello scientifico, cioè?

  Post Precedente
Post Successivo