Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
piccione_px

Cassazione: è reato di maltrattamento usare piccioni come esca viva

Scatta il reato di maltrattamenti di animali per i pescatori di pesce siluro che utilizzano, come esca, piccioni vivi. E il fatto che si tratti di prede naturali del pesce siluro non salva di per sé dall’accusa di aver commesso il reato previsto dall’articolo 544 ter del Codice penale. Ugualmente inutile – come ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 17691 di ieri – è sottolineare che normalmente nella pesca si utilizzano esche vive, specificatamente vermi, come i diffusi bigattini. Ciò che rileva, infatti, è la crudeltà e l’inutilità del comportamento con cui si perpetrano sofferenze a degli uccelli vivi agganciati per una zampetta all’amo della canna da pesca.

IL PICCIONE NON E’ PARAGONABILE AL VERME, LARVA CHE SI PUO’ USARE COME ESCA VIVA

La Corte di cassazione ha respinto il ricorso di due pescatori toscani che ritenevano applicabile unicamente la legge speciale sulla pesca, in quanto appunto pescatori nell’atto di svolgere un’attività lecita. E che, nell’ambito di essa, i patimenti inflitti all’esca non sarebbero rilevanti penalmente. La Cassazione indica come rilevanti tutte le sofferenze fisiche e psichiche sofferte dal piccione che per “attitudine etologica” non è parificabile al verme, che per il suo stato larvale è attitudinalmente utilizzabile come esca viva.

LA PESCA SPORTIVA NON E’ PESCA DI FRODO, NON E’ NECESSARIO SACRIFICARE UN ANIMALE

Altrimenti – come spiega la Cassazione – da tale equiparazione si potrebbe giungere a ritenere plausibile la caccia al leone, tramite sacrifici di gazzelle, o alla volpe, con un cucciolo di capriolo a far da esca. Ciò che rileva – come scriminante della rilevanza penale della condotta – è la sua necessarietà e accettabilità da parte del consesso sociale umano per lo svolgimento di un’attività lecita (come la pesca sportiva a differenza di quella di frodo). Non è certo necessario sacrificare un piccione quando esistono altri mezzi (animaletti, pezzetti di carne oppure oggetti luccicanti) per realizzare un’esca per il pesce siluro che è predatore e si nutre non solo di volatili. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

  • Corrado |

    @Dario. Anche per me è stata una bruttissima scoperta. E in più, sapere che si è dovuti arrivare fino alla Cassazione per questi soggetti…………….Saluti 🙂

  • Dario |

    Questa non la sapevo. C’è sempre da imparare…non scrivo cosa consiglierei di usate al posto del piccione…Corrado docet

  • Corrado |

    Giustissimo, una crdeltà e una barbaria. Avrei un suggerimeno ai pescatori del genere… sulla sostituzione del piccione con altra “esca viva” ma meglio lasciar perdere…

  Post Precedente
Post Successivo