Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
invasive

Ispra, più di 3mila “alieni” minacciano la biodiversità in Italia

Sono 3.182 “gli alieni”, cioè le specie alloctone introdotte in Italia e potenzialmente invasive, che possono cioè minacciare la biodiversità. E’ quanto emerge dall’Annuario 2018 dell’Ispra – realizzato in collaborazione con le Agenzie per la protezione dell’ambiente regionali e delle province autonome nell’ambito del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) – in cui è indicato che la fauna in Italia conta oltre 60mila entità e la flora 8.195 entità di piante vascolari e 3.873 entità non vascolari. Particolarmente minacciato il 42% delle 202 specie tutelate dalla Direttiva Habitat.

LA NOSTRA BIODIVERSITA’ A CONFRONTO CON QUELLA EUROPEA

Per valorizzare la biodiversità in Italia, l’Ispra fa un confronto con l’Europa e per quanto riguarda la fauna, tra gli insetti, gli Ortotteri (grilli e cavallette) sono circa il triplo di quelli della Polonia, il decuplo della Gran Bretagna e della Norvegia e oltre 150 volte quelli dell’Islanda e il numero di specie dei Lepidotteri (farfalle) è più del doppio di quello della Gran Bretagna. Resta alto il livello di minaccia, avverte l’Istituto di ricerca e protezione: 120 specie di vertebrati terrestri sono minacciate per la perdita e la degradazione di habitat, in particolare gli anfibi (36%) e i pesci ossei di acqua dolce (48%).

LE ACQUE COSTIERE DI BALNEAZIONE IN CONDIZIONI ECCELLENTI

L’Ispra rileva che più dell’89% delle acque costiere di balneazione è in classe eccellente nel quinquennio 2014-2017 ma un’alga tossica, la Ostreoptis ovata, è stata riscontrata nei mari di 10 regioni costiere nel 2017 esclusi Abruzzo, Emilia-Romagna e Veneto. La Commissione europea ha sviluppato una app per aiutare a identificare e condividere le informazioni su 37 cosiddette specie aliene invasive, animali e piante provenienti da altre parti del mondo che mettono a repentaglio l’ecosistema locale: si chiama “Invasive Alien Species Europe” ed è stata sviluppata dal Joint Research Centre. (nella foto sopra la nutria, il gambero rosso della Luisiana e lo scoiattolo grigio: tre esempi di specie aliene invasive diffuse nel nostro paese)