Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
African penguins compete for a heart shaped valentine handed out by aquarium biologist Piper Dwight at the California Academy of Sciences in San Francisco, Tuesday, Feb. 12, 2019. The hearts were handed out to the penguins who naturally use similar material to build nests in the wild. (AP Photo/Jeff Chiu)

A San Valentino l’amore non ha confini, nemmeno di specie

Amare senza condizione è soprattutto quello che i nostri animali domestici fanno per noi. Ricambiare è sempre difficile, o almeno non a tutti riesce. Ma per San Valentino si può provare a fare uno sforzo. Ci contano le associazioni che si occupano degli animali, domestici e selvatici, che per la festa degli innamorati si sono impegnate a creare occasioni per finanziare la propria attività. Legambiente torna con TartaLove, una campagna di adozioni simboliche lanciata per finanziare le attività di tutela delle tartarughe marine nel Mediterraneo: il kit paper-free include un Certificato di Adozione, una fotografia della tartaruga adottata e un racconto della sua storia. Il Rifugio degli Asinelli, sede italiana di The Donkey Sanctuary, organizza una campagna dedicata a chi vuole “ragliare il proprio amore” aiutando, allo stesso tempo, gli asinelli. Pacchetti speciali, adozioni a distanza e donazioni a nome del partner. Sensato l’appello di Aidaa: “Per San Valentino non regalate animali e men che meno comperateli. Cani e gatti non sono giocattoli, se proprio volete regalate un bel peluche”. Il Parco Natura Viva di Bussolengo propone la storia d’amore di Fabian e Julia, coppia di avvoltoi gipeti protetti dalla Vulture Conservation Foundation: passeranno in totale una cinquantina di giorni a covare uno dei pulcini che potrebbe essere selezionato per tornare a solcare le cime d’Europa per ripopolare una specie che in Italia è classificata “in pericolo critico” di estinzione. I due, come accade in natura, resteranno insieme tutta la vita: testimonial perfetti per San Valentino. (nella foto Jeff Chiu/Ap i pinguini africani dell’acquario della California Academy of Sciences di  San Francisco)