Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cebi_cornetti_ph_alessandro_calzetta

Il senso dei primati per il denaro: usano oggetti come monete

Anche i primati hanno il senso del denaro: alcuni cebi dai cornetti (Sapajus apella), scimmie sudamericane separatesi dall’uomo circa 35 milioni di anni fa, sono in grado di riconoscere quali oggetti hanno maggiore valore come moneta di scambio, da usare per ottenere cibo. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Animal Cognition, e condotto dai ricercatori dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Istc) di Roma, in collaborazione con i gruppi francesi dell’Institute for Advanced Study (Iast) di Tolosa, e dell’Institute Jean Nicod, della Scuola Normale Superiore di Parigi.

STUDIATI GLI ANIMALI PIU’ SIMILI ALL’UOMO

“L’uso del denaro da parte dell’uomo sostituisce il baratto all’incirca sei secoli prima di Cristo e diventa il mezzo migliore per ottenere beni e servizi”, ha spiegato Elsa Addessi, del Cnr. Per capire quali fattori abbiano permesso la transizione dal baratto al sistema economico attuale, gli esperti hanno studiato i primati, gli animali evolutivamente più vicini all’uomo. Hanno coinvolto sei esemplari in due esperimenti di scambio di gettoni colorati e altri oggetti. A ogni scimmia è stato consegnato un set di quattro diversi oggetti, alcuni dei quali, nello scambio con lo sperimentatore, portavano a una ricompensa alimentare.

SCIMMIE IN GRADO DI CATEGORIZZARE GLI OGGETTI

“Abbiamo dimostrato che i cebi sono in grado di categorizzare gli oggetti in base alla loro validità, cioè al loro essere ‘in corso’, come lo è l’euro rispetto alla vecchia lira”, ha spiegato Francesca De Petrillo, dello Iast di Tolosa. “In modo analogo a quanto avviene negli esseri umani con il denaro – ha concluso -, i cebi hanno scambiato per primi e in maggior numero gli oggetti in corso rispetto a quelli fuori corso e privi di valore, a prescindere dalla loro familiarità”. (Ansa, ph. Alessandro Calzetta)