Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
rana_afp_1c94re

Romeo, la rana “più sola al mondo”, dopo dieci anni trova la sua Juliet

AGGIORNAMENTO DEL 5 APRILE 2019 – E AMORE FU

La quarantena per Juliet è finita: finalmente l’amore con Romeo – che ha aspettato più di dieci anni questo momento – può sbocciare. Le due rane d’acqua Sehuencas sono insieme nella stessa vasca al Museo Alcide d’Orbigny di Cochabamba, in Bolivia. Nella foto in cui sono insieme, Romeo è quello sopra e Juliet quella sotto. Nella foto in alto, Juliet.

rane_romeo_juliet_afp_1fa7zs

+++

POST ORIGINALE DEL 17 GENNAIO 2019

Questa versione di Romeo e Juliet è ambientata in Bolivia e non a Verona, loro non si chiamano Montecchi o Capuleti ma Sehuencas, la specie di rane d’acqua cui appartengono. Il loro incontro non avviene a un ballo in maschera ma nella vasca di un museo di Storia naturale in Bolivia, senza comunque rendere la storia meno romantica. Romeo è stato catturato dieci anni fa, ultimo esemplare di una specie acquatica considerata estinta, e da allora è conservato al Museo Alcide d’Orbigny di Cochabamba. Era anche conosciuto su tw come “la rana più sola del mondo”. I ricercatori della Global Wildlife Conservation, che non hanno mai perso la speranza di trovare una compagna per lui – arrivando persino a utilizzare il sito d’incontri match.com per trovare il denaro – sono tornati nella foresta pluviale boliviana grazie a fondi raccolti con l’account @Romeothefrog. Pochi giorni fa, è finalmente accaduto: stanchi e completamente fradici, a fine giornata hanno comunque deciso di controllare quell’ultima pozza dove, tra ben cinque esemplari di Sehuencas trovati, c’era anche la Juliet che Romeo ha atteso per un decennio. A dividerli ora è rimasto solo un vetro, dietro al quale gli occhioni neri screziati di giallo di Juliet devono trascorrere un periodo di quarantena per scongiurare il pericolo di avvelenamento con il fungo (chytridiomycosis) potenzialmente mortale che le ha spinte all’estinzione. Che renderebbe il finale della storia pericolosamente simile all’originale scespiriano. (nella foto Robin Moore/Global Wildlife Conservation/Afp in alto Juliet, qui sotto Romeo, in fondo altre due foto Afp della femmina)

rana_romeo

rana_afp_1c94ru

rana_afp_1c94qs