Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
large_kuwait-10011_forweb

Gli “Animals” di Steve McCurry inaugurano il Mudec Photo

Steve McCurry non ha bisogno di presentazioni: il suo ritratto della ragazzina afghana per la copertina del National Geographic ha segnato la storia della fotografia mondiale. Tocca adesso a una selezione di scatti di animali del grande fotografo americano tenere a battesimo il Mudec Photo, il nuovo spazio espositivo del Museo delle Culture di Milano dedicato alla fotografia d’autore. Da domenica prossima, 16 dicembre, al 31 marzo 2019 “Animals” propone 60 immagini che raccontano l’indissolubile legame tra animale e uomo: “Un affresco corale dell’interazione, della condivisione, che tocca i temi del lavoro e del sostentamento che l’animale fornisce all’uomo, delle conseguenze dell’agire dell’uomo sulla fauna locale e globale, dell’affetto che l’uomo riversa sul suo ‘pet’, qualunque esso sia”, spiegano gli organizzatori. Il progetto della curatrice Biba Giacchetti nasce pensando alle foto che McCurry nel 1992 scatta nel Golfo Persico, da dove torna con un reportage sul disastroso impatto ambientale e faunistico nei luoghi del conflitto. Le immagini-icone dei cammelli che attraversano i pozzi di petrolio in fiamme (sotto, insieme a una photogallery con altre immagini) e degli uccelli migratori interamente cosparsi di petrolio (foto sopra) aiutano McCurry a conseguire il prestigioso Word Press Photo, assegnato quell’anno da una giuria composta da bambini di tutte le nazioni. Ma in mostra si trovano anche animali come via alla sopravvivenza, quelli da lavoro, alcuni talvolta sfruttati come unica risorsa a una condizione di miseria, altre volte amati e riconosciuti come compagni di vita per alleviare miserie, o semplicemente per una forma di simbiotico affetto. E poi racconti più soavi, poetici o ironici, come il cane fashionista tinto di rosa a Hollywood, il serpente a guisa di collana in un supermercato americano o i due topolini bianchi sulle spalle del ragazzo indiano scelti come testimonial della mostra. Info qui.