Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
angelo_cover-1080x675

Il cane Angelo torna a scodinzolare sul grande schermo

AGGIORNAMENTO DEL 12 NOVEMBRE 2018 – DOMANI A ROMA SECONDA PROIEZIONE DEL FILM

Martedì 13 novembre, presso la nuova sede degli Animalisti Italiani Onlus verrà proiettato, per la seconda volta in Italia, dopo l’anteprima di Milano dello scorso 29 ottobre (post sotto), il film “Angelo – Life of a street dog” patrocinato e prodotto dalla LNDC – Animal Protection con la regia di Andrea Dalfino. Tra gli invitati i Ministri della Salute e dell’Ambiente per discutere di leggi e cambiamento culturale verso il rispetto per tutti gli esseri viventi. Appuntamento è alle 18:30 in via Ettore Ciccotti, 35 a Roma dove, a margine della proiezione, avrà luogo un breve dibattito sui diritti degli Animali, sulle leggi attualmente in vigore in materia di maltrattamento e/o uccisione degli stessi e sui necessari correttivi da apportare affinché davvero si possa considerare l’Italia un paese “civile” e culturalmente progredito.

+++

POST ORIGINALE

Domani sera, a Milano, Angelo torna a scodinzolare. E’ diventata infatti un film la storia del cane randagio ucciso nel 2016 da quattro ragazzi a Sangineto, in Calabria, e il cortometraggio viene presentato lunedì 29 ottobre alle 18 al Mondadori Megastore di Piazza Duomo. Il film “Angelo – Life of a street dog” è patrocinato da Lega Nazionale per la Difesa del Cane e realizzato da Andrea Dalfino per Newscapes Entertainment. Oltre alla visione del corto, ci sarà spazio per un dibattito sui diritti degli animali moderato da Tessa Gelisio, da sempre amica di Lndc, e vedrà la partecipazione di vari ospiti tra cui Edoardo Stoppa, l’etologo Roberto Marchesini e Paola Fossati, Garante dei diritti animali del Comune di Milano e docente alla facoltà di Veterinaria dell’Università Statale. “La storia di Angelo, il dolce randagio di Sangineto diventato simbolo della crudeltà umana sugli animali – scrivono gli organizzatori -, verrà raccontata senza scene violente. Il film infatti vuole essere un omaggio alla vita di tutti gli animali randagi che sanno accontentarsi di poco e che non chiedono nulla se non il giusto rispetto. Eventuali proventi derivati dalla distribuzione del cortometraggio verranno devoluti a Lndc che li destinerà per finanziare progetti di sterilizzazione nel sud Italia”.

  • Carmela doronzo |

    Soraya Spero che questo tempo arrivi presto..Se esiste un modo per accellerare la coscienza io sono pronta

  • Dario |

    Guido mi piace perché é razionale e pragmatico. Mi basterebbe si usasse uccidere anziché abbattere, corpo anziché carcassa, ma va la che se si equiparasse la vita di un “omo” a quella di un animale si sfiorerebbe l’assoluta santità e questo, per ora, non fa per noi…proprio non fa per noi…
    Ps: per Angelo ho pianto, ma sono uno che si commuove facilmente. Le mie lagrime sono salate come vorrei fossero salate le pene.

  • Carnico |

    Poiché il film non lo andrò a vedere per non farmi inutilmente del male solo a ricordare e pensare ad una vicenda vergognosa e che dovrebbe far meditare seriamente i legislatori sull’aspetto criminogeno e patologico della violenza sugli animali, vorrei contribuire comunque alla raccolta di fondi di Lndc in memoria di Angelo. IBAN subito please!

  • Guido Minciotti |

    Temo siano sinonimi…

  • Lara |

    Le piace di più la parola assassinio, allora? Così non possiamo giocare sull’etimologia delle parole.

  Post Precedente
Post Successivo