Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
accumulatori_gatti

Accumulatori di animali, allarme di ZooCrime: “Serve una legge”

Gli accumulatori seriali di animali riempiono la casa di gatti o cani fino a rendere l’appartamento invivibile e la vita impossibile anche a quegli animali che vorrebbero aiutare. Si chiama “animal hoarding” ed è l’ossessione di accumulare animali fino a non riuscire più a mantenerli. Spia di un disordine mentale, a Roma se ne contano già alcuni casi. Una patologia nuova ma anche pericolosa che finisce per gettare nel degrado la persona che crede così di aiutare i randagi e invece mette in pericolo decine e decine di cani e gatti, rasentando spesso il limite del reato di maltrattamento. Per l’associazione Zoo Crime servirebbe un coinvolgimento delle istituzioni e una legge che aiuti animali ma anche persone evidentemente malate.

L’INDIFFERENZA DELLE ISTITUZIONI

Negli appartamenti delle persone coinvolte a Roma sono stati trovati animali morti di fame, spesso gatti ma anche cani, carcasse, escrementi. “Persone che dicono di amare gli animali ma sono in realtà deluse dalla vita e sfogano il loro amore ossessivo e malato verso cani e gatti”, spiega Antonio Colonna di Zoo Crime, che denuncia: “Assistiamo all’indifferenza delle Istituzioni, delle Asl che si dovrebbero anche occupare di persone in difficoltà, dei Dsm, di noti enti animalisti. Ci sono pochi gattili e stracolmi, volontari in costante emergenza pieni di animali abbandonati in casa. Tutto questo si traduce in sofferenza per migliaia di animali”.

I TRE CASI ROMANI

Nell’aprile 2017 durante una perquisizione disposta dalla Procura di Roma in via Lavinio sono stati trovati gatti morti e mummificati e 16 tonnellate di rifiuti. Quest’anno a Tivoli la quarantina di gatti stipati in una soffitta e gli altri tenuti in una cantina buia dove partorivano di continuo hanno fatto una brutta fine: il padrone di casa è stato ricoverato per un Tso e nessuno si è occupato degli animali, provocando la morte di tanti felini, rinvenuti cadaveri sulla strada e nei prati circostanti. Infine a giugno il sequestro di 50 gatti detenuti in città in condizioni drammatiche da una donna: gli animali erano privi di adeguato cibo e chiusi in sole due stanze da almeno tre anni.

  • Guido Minciotti |

    Grazie mille della segnalazione e scusi per l’imprecisione, correggo subito. Grazie anche di leggere 24zampe saluti gm

  • Mihaela anca negrii |

    Per l’esattezza della informazione, credo che avete scritto sbagliato ” Nell’aprile 2017 durante una perquisizione disposta dalla Procura di Roma al Lavinio sono stati trovati gatti morti e mummificati e 16 tonnellate di rifiuti. “, il fatto è avvenuto a Roma in Via Lavinio, e non a Lavinio, come si capisce leggendo.

  • antonella |

    Sicuramente ci vuole un coordinamento, perché a fronte di un “accumulo seriale” di animali c’è un disturbo psicologico che va gestito, e questo per evitare, come raccontato, che ” il padrone di casa è stato ricoverato per un Tso e nessuno si è occupato degli animali, … “

  • Stefania Giglioli |

    Una legge è necessaria per chi non riesce a gestirli. Se una persona riesce a tenere 40 gatt i o 40 cani e li tiene puliti e li cura va bene,ma gli accumulatori non sono in grado

  • Maria |

    Bisogna fare qualcosa
    Ci vuole una legge.

  Post Precedente
Post Successivo