Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
brambilla1

Alla Camera i 9 cuccioli di Luce, cagnolina incinta uccisa a Cosenza

La storia di “Luce”, una cagnetta incinta vittima di una “persona malata e socialmente pericolosa” che l’ha “incaprettata” e lasciata morire, è “il caso di crudeltà verso gli animali” che ha spinto la deputata Maria Vittoria Brambilla (FI) a denunciare pubblicamente questo atto “brutale” per ribadire la “necessità di calendarizzare e portare rapidamente in Aula” alla Camera la sua proposta di legge per “inasprire le pene contro chi infierisce contro gli animali”. Un appello al Parlamento a votare il provvedimento.

I NOVE CUCCIOLI SOPRAVVISSUTI PORTATI IERI IN PARLAMENTO

Arrivata a Montecitorio con un cesto contenente i nove cuccioli sopravvissuti (due sono morti, foto sopra), Brambilla – presidente del Movimento animalista e della Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente (Leidaa) – ha raccontato il maltrattamento e l’uccisione nei giorni scorsi di questa “madre coraggio non umana” e il ritrovamento dei piccoli a Marano Marchesato (Cosenza), affidati ai volontari dell’associazione. La madre, con le quattro zampe legate, era stata “semisepolta sotto un mucchio di foglie e rami secchi e abbandonata sul ciglio di una stradina di campagna” dove sarebbe entrata in coma e poi morta non prima, però, di dare alla luce gli undici cuccioli. I nove sopravvissuti, assistiti da un veterinario anche nel viaggio oggi da Cosenza a Roma, in due tappe per mangiare, fanno da testimonial per questo nuovo appello al rafforzamento della tutela penale degli animali.

BRAMBILLA: “CHIEDO ALL’ITALIA DI SCHIERARSI AL MIO FIANCO”

“Chiedo all’Italia intera di indignarsi e di schierarsi al mio fianco nella battaglia per cambiare le cose, qui in Parlamento” ha detto Brambilla mentre allattava uno dei cuccioli con un biberon (foto sotto). Nell’assicurare che i nove cagnolini saranno ospitati in una clinica a Roma e che aggiornerà sulla loro crescita, l’ex ministro ha detto che “se saranno individuati i responsabili, o il responsabile, di questo orribile gesto, perseguibile d’ufficio e già denunciato, e se si arriverà al processo, la Leidaa chiederà di costituirsi parte civile”. Brambilla ha quindi detto di non essere “più disposta a sopportare altri cinque anni di legislatura senza vedere in Aula la proposta di legge” che – tra l’altro – aumenta fino a cinque e sei anni le pene per il maltrattamento e l’uccisione di animali “in questo Paese di impuniti dove non va mai in galera nessuno”. (Ansa)

brambilla2

 

  • Angelo |

    A chi competa che applichi una pena severissima.

  • annella |

    Potrebbero fare lavori socialmente utile, almeno aiuterebbero la comunità

  • ANTONELLA |

    L’onorevole Brambilla è una persona battagliera. Spero vivamente riesca a fare qualcosa per tutelare gli animali e punire queste persone indegne. Punire non con il carcere o una semplice multa ma facendoli lavorare sodo, molto molto sodo .

  • Antonella |

    Con che coraggio hanno fatto questo gesto? Legare una cagnolina incinta in questo modo orribile……..nessuna pietà per queste persone…..devono pagare per il male che fanno!!!!!! Io sono con lei onorevole Brambilla

  • azzurra |

    io sono con te…..questa gente deve pagare…..pagare tanto

  Post Precedente
Post Successivo