Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
epa05782312 An African Sacred Ibis soars along the rocky coastline of Misty Cliffs in Cape Town, South Africa, 10 February 2017. The African Sacred Ibis is a wading bird occuring mostly in marshy wetlands and breeds in Sub-Saharan Africa, south eastern Iraq, and formerly in Egypt, where it was venerated and often mummified as a symbol of the god Thoth.  EPA/NIC BOTHMA

Allarme di Legambiente: l’ibis sacro è “invasivo” nel Delta del Po

Gli ibis sacri (Threskiornis aethiopicus) rappresentano “una seria minaccia” per la fauna autoctona del Delta del Po. Perchè sono predatori onnivori, si nutrono di anfibi, crostacei, piccoli roditori, molluschi, pesci, lombrichi, insetti nonché uova e pulcini di altre specie di uccelli nativi come sterne, garzette, anatre, uccelli marini e uccelli di palude. A lanciare l’allarme sulla presenza di questo uccello di palude dal piumaggio bianco, becco e coda neri, è Legambiente. La diffusione del volatile e di altre specie invasive è stata al centro di un convegno a Comacchio (Ferrara), di cui danno notizia l’associazione ambientalista e l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Introdotto in parchi e giardini zoologici, l’ibis si è poi naturalizzato con fughe o rilasci. “Ancora una volta è stato l’uomo il responsabile della sua diffusione”, spiega Legambiente, insistendo sulla necessità di “corretta informazione sui rischi legati all’introduzione di specie non autoctone”. (Ansa)

  • Di specie invasive che attaccano uccelli si è parlato di recente dopo un rapporto di Birdlife international: negli ultimi 500 anni le specie aliene invasive (IAS) sono state parzialmente o interamente responsabili dell’estinzione di almeno 112 specie di uccelli, più del 70% di quelli a noi noti che si sono estinti.
  • Giuseppe Furlan |

    Ho notato numerosi Ibis nella laguna di Venezia. Ma possono essere più onnivori dei gabbiani ? Li ho notati spesso con un pesciolino nel becco. Sono riuscito anche a fotografarli; devo dire che in volo sono bellissimi. Peccato se costituiscono un pericolo.

  • Giuseppe Colonna |

    Come Segnalato al mio ufficio. Gev. ParcoNord Milano oggi ho visto uno stormo di Ibis sacri becco nero a terra in un campo ore 16,30 a Bereguardo PV

    E per Riscontro il link seguente

    NOME ITALIANO: Ibis sacro

    SPECIE: Threskiornis aethiopicus

    LUNGHEZZA: 55-70 cm

    DISTRIBUZIONE: Iraq sudorientale, Africa

    http://www.sapere.it/sapere/approfondimenti/animali/uccelli/ibis-sacro.html

    Saluti

  Post Precedente
Post Successivo