Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
vacca1

Allevamento biologico, con lo standard di FederBio cresce il benessere per gli animali

Un gruppo di lavoro “multistakeholder” di FederBio, composto da veterinari, rappresentanti degli enti certificatori, dei produttori e della società civile, ha predisposto le linee guida esplicative finalizzate a fare chiarezza sui criteri da adottare per una corretta gestione degli allevamenti zootecnici. Lo stesso gruppo ha quindi elaborato un secondo documento con uno “standard di benessere animale superiore ai requisiti di legge”. Questo per favorire il passaggio delle aziende zootecniche da metodi di allevamento convenzionale a biologico. Una conversione che interessa un numero crescente di imprese, osserva la federazione degli operatori biologici, in un quadro normativo che presenta ancora alcune criticità e diversi punti che si prestano a interpretazioni anche divergenti, in particolare per quanto riguarda il benessere animale. Di questo si parlerà domani a Cremona nell’ambito delle Fiere zootecniche internazionali (da oggi e fino al 28 ottobre). I principali punti cardine dello standard di benessere animale “High welfare” messi a punto dal gruppo di lavoro di FederBio prevedono l’obbligo di pascolo per almeno 120 giorni l’anno per bovini, suini e ovini; l’utilizzo di razze a lento accrescimento, a duplice attitudine e a minore produttività; il divieto di decornazione per le vacche e di debeccaggio per le galline; il superamento dell’eliminazione dei pulcini maschi nell’allevamento di ovaiole; il divieto di utilizzo delle gabbie di allattamento per le scrofe; l’obbligo per le scrofe di passare la gestazione all’aperto; vitelli nutriti alla mammella. Su questo standard superiore FederBio, con l’iniziativa alla fiera di Cremona, vuole aprire un percorso aperto alle imprese e a tutti gli interessati che porterà alla definizione di un testo da inserire nel Codice Etico della Federazione e che diventerà un disciplinare volontario certificato a disposizione di tutti gli allevatori biologici italiani. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

allevamento_federbio