Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
This photo taken on June 1, 2017 shows tourists watching an elephant perform with her handler at a pool in a animal park south of Bangkok. 
Twice as many elephants work in Thailand's tourism industry as the rest of Asia combined, a new report revealed on July 6, 2017, with the vast majority kept in "severely inadequate conditions". / AFP PHOTO / Roberto SCHMIDT

Elefanti “per turisti” in Asia: tre su quattro sono vittime di crudeltà e sfruttamento

I turisti che in Asia visitano attrazioni in cui gli elefanti sono protagonisti dovrebbero pensarci due volte: la maggior parte di questi animali viene sfruttata al limite della crudeltà. La denuncia arriva da un rapporto di World Animal Protection che ha esaminato le condizioni di circa 3 mila pachidermi “al servizio” di attività turistiche in sei Paesi asiatici. Almeno tre esemplari su  quattro vivono in condizioni “inaccettabili”, incatenati notte e giorno, senza cibo o cure adeguate. Come se non bastasse, gli animali sono separati da cuccioli dalle madri e subiscono un crudele addestramento iniziale per diventare docili e sottomessi durante gli spettacoli o il trasporto dei turisti. Dei Paesi esaminati (Tailandia, Laos, Cambogia, Nepal, Sri Lanka e India) il peggiore risulta essere la Tailandia: ospita tre quarti di tutti gli elefanti tenuti in cattività per attività destinate al turismo. L’organizzazione punta a sensibilizzare in primis i turisti  che prenotano queste attività e spiega di aver convinto già 160 compagnie di viaggio a sospendere la vendita e la promozione di questi pacchetti. “Se un animale selvatico si può cavalcare, si può abbracciare o se vi si può interagire”, spiega Jan Schmidt-Burbach, autore del rapporto, “è probabile che ci sia di mezzo anche la crudeltà”. (Ansa-Ap, nella foto Afp un elefante nuota con i turisti in un parco a sud di Bangkok)

 

  • Adele Di Francesco |

    Carissimi, devo confessarvi che da pochissimo tempo sono venuta a conoscenza dello sfruttamento degli elefanti in paesi dell’Estremo Oriente, come la Tailandia ad esempio. Cosa possiamo fare per sensibilizzare ed attivare i governi di quei paesi affinché queste pratiche vengano a cessare,

  • Alice |

    Tipico esempio di commento incentrato sulla concezione antropocentrica del mondo. A mio parere, la stessa… dalla quale si generano i peggiori crimini verso i nostri simili…gli animali.

  • Anna Rosada |

    Fino a che ci sarà ancora qualcuno che non si rende conto che tutti gli esseri viventi appartengono al ‘regno animale’ – umani compresi – non si comprenderà la gravità della situazione

  • Guido Minciotti |

    Non serve essere umani per restare vittime di sfruttamento e crudeltà, non crede? Grazie di leggere 24zampe, saluti gm

  • Maria Alessandra Lucioli |

    e chi se ne frega. basta parlare degli animali come se fossero esseri umani

  Post Precedente
Post Successivo