Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
afp_pr3zu

In Cina inizia il festival di Yulin: manifestazione a Roma contro la sagra della carne di cane

Era purtroppo una fake news quella che nei giorni scorsi dava per chiuso dalle autorità locali il festival di Yulin 2017. La sagra della carne di cane, che inizia oggi nella città cinese della regione meridionale di Guangxi, è in corso regolarmente, come dimostrano le foto di cronaca inviate stamattina dall’agenzia giornalistica francese Afp, scattate da Becky Davis. Il festival di inizio estate, che si ispira alla tradizione di mangiare carne di cane per affrontare meglio il caldo stagionale, attira ogni anno migliaia di visitatori. A Yulin almeno 10mila animali vengono macellati in strada per essere consumati nei ristoranti, anche improvvisati. Centinaia e centinaia di quattrozampe, anche gatti, vengono trasportati nella città della Cina meridionale, al confine con il Vietnam, in pessime condizioni, ammassati dentro piccole gabbie, a bordo di camion, ma anche di auto e moto. Un orrore contestato in tutto il mondo occidentale, e anche in patria. Per la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi, “sono gli stessi cittadini della Cina a rifiutare una manifestazione anacronistica, crudele e priva di qualsiasi significato che non sia la celebrazione di una mattanza. Purtroppo, come spesso accade con i fenomeni sociali, istituzioni e autorità reagiscono con colpevole lentezza ai cambiamenti sociali”. Se nei giorni scorsi il cantante Andrea Bocelli ha prestato il proprio volto al Movimento animalista di Michela Vittoria Brambilla come testimonial contro lo Yulin festival, oggi tocca al campione di motociclismo Giacomo Lucchetti aiutare Animalisti italiani onlus. Alle 11 di stamane l’associazione manifesta nei pressi dell’Ambasciata della Repubblica Popolare cinese, a Largo Ecuador a Roma, “in concomitanza con l’inizio di questa strage mascherata da festa”, con lo scopo di “fermare la Cina, abolire il Festival di Yulin, vietare il consumo di carne di cane e gatto e sensibilizzare l’opinione pubblica, ricordando ai media la pericolosissima missione nella Regione Autonoma di Guangxi Zhuang di Davide Acito, il fondatore di Action Project Animal” e impegnandosi a darne notizia nei prossimi giorni.

  • Dell’iniziativa di Acito abbiamo scritto qui su 24zampe nei giorni scorsi.
  • Del falso annuncio di un bando per Yulin2017 abbiamo scritto qui su 24zampe il 18 maggio 2017.
  • Del bando di Taiwan al consumo di carne di cane abbiamo scritto qui su 24zampe in aprile.

afp_pr402

afp_pr3lf

afp_pr3l2

  • maria |

    questa crudeltà e innumanità deve finire ma che spezie, che razza di persone ( se si possonoo chiamare cosi )vivono la dove è lo stato ???? ogni paese mostra la sua civiltà da come tratta i suoi animali questo è loro?????

  • federica alfino |

    è un vero orrore, è un segno di barbaria di una comunità che uccide animali che neanche rientrano nella catena alimentare.Occorre emanale delle sanzioni senza scrupoli per chi commette delle azioni del genere, perchè è sempre un reato compiuto nei confronti degli esseri viventi!

  • Sofia |

    poveri cani io prenderei tutti i cani della cina e li porterei in italia perchè avere un cane è come avere un migliore amico che farebbe di tutto per te ma loro non ne capiscono niente ed è per questo che da grande voglio fare una associazione che salva ogni tipo di animali e quando arriverà quel momento sò che ci saranno in molti perchè tutti noi amiamo gli animali

  • nicoletta |

    Basta Basta vergogna i veri Animali siete voi! Come si possono massacrare tante vite innocenti! Vi auguro di fare la loro fine ! Definitemi pure razzista o ignorante ma fa bene chi vi discrimina e chi vi disprezza!

  • annella |

    Nessuno pensa che in Italia siamo un paese civile, basti pensare, rimanendo in tema di animali all’enorme problema del randagismo nella quasi totalità al Sud, per me, non è il CHI viene ucciso, ma il COME che fa la differenza

  Post Precedente
Post Successivo