Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
bonelli_aquila

In Italia 27 aree ad alto tasso di bracconaggio: Wwf chiede reato di “uccisione specie protette”

Sono 27 le aree ad alto tasso di bracconaggio, comprese quelle marine. Lo afferma il Wwf ricordando che l’attività venatoria (compresa quella legale) rappresenta “l’ennesima gravissima aggressione alla fauna selvatica” e che quasi l’80% degli illeciti viene commesso durante la stagione venatoria, malgrado questa duri solo 4 mesi. I reati a danno della fauna selvatica sono compiuti per il 78% dai cacciatori, mentre il 19% dei casi si tratta di bracconieri privi di licenze. Una novità positiva, rileva l’associazione ambientalista, è la recente modifica della Legge sulla caccia che obbliga i cacciatori a segnare gli animali appena abbattuti, un sistema che consente di conoscere la vera consistenza del prelievo venatorio. Il Wwf chiede l’inasprimento delle sanzioni penali a tutela della fauna selvatica e ha elaborato una proposta di legge proponendo il “Delitto di uccisione di specie protetta”, con pene sia detentive che pecuniarie più severe e adeguate alla gravità. All’inasprimento delle sanzioni, aggiunge il Wwf, “vanno affiancate azioni dirette alla formazione e sensibilizzazione delle Forze dell’ordine e della Magistratura sui reati di bracconaggio ed in danno della fauna selvatica”. L’ultimo “gravissimo episodio accaduto in Sicilia di colpi di  arma da fuoco ai danni di un giovane esemplare di Aquila di Bonelli (nella foto, una coppia), salvato grazie ai volontari del Wwf di Licata (Agrigento), rende ancor più urgente una rapida e dura presa di posizione del Governo e del Parlamento, che può arrivare fino  alla sospensione di ogni attività di caccia”. (Ansa)